Lucera, 20 Maggio 2024

Festa del Papà, nota e poesia di Pasquale Zolla

Auguri a tutti i Papà del mondo
 
La Festa del papà ha origini americane. Nacque per festeggiare un padre ex-combattente della guerra di secessione. In America cade nella terza domenica del mese di giugno mentre in Italia   cade il 19 marzo, che ricorda San Giuseppe, il padre di Gesù.
 
Oggi voglio dedicare la mia ode a mio Padre che tanto mi ha dato e insegnato durante la mia fanciullezza.
 
Nella foto: Con mio padre (con la coppola), mio cugino Gigino (partigiano in Toscana) e mio zio Francesco (Maste Frangiske u skarpare).
 
 
 
Per la lettura dialettale:
 
è: si legge
 
è: velare
 
e: non si legge
 

 

 
 

 

Auguri Papà, òvunghe tu staje
 
Kare Papà, stènghe sópe ‘a strate
 
ka pòrte ò’ kalà d’u sòle è, nda stu
 
jurne addedekate è’ papà, vòghje
 
addengrazjarte  per kuande me haje
 
date fìne d’ò jurne ka sópe ‘a tèrre
 
sònghe arrevate pekkè me haje
 
fatte vedè u munne attravèrze i tuje
 
ucchje, kambà i ‘muzjune attravèrze
 
u kòre tuje è agghje mbarate a amà
 
kammenannete akkande. U ammòre
 
tuje me have date ‘a kapcetà de kréde
 
dinde a mè stèsse, a sunnà ngranne
 
è a fatekà duramènde p’arraggiunge
 
i ubjettive mìje. Tu me haje  spjegate
 
tuttekuille ka sacce è mustrate ‘a strate
 
kurrètte  d’arréte jì ògnè jurne. Pe mè
 
sì state nu patre, nu kumbagne è nu
 
majèstre. Agghje vedute u munne
 
attravèrze i tuje ucchje, agghje kambate
 
i ‘muzjune attravèrze u kòre tuje, agghje
 
mbarate a amà stannete accande. U tuje
 
ammòre ngudezjunate me ha ajutate
 
a me sènde ò’ sekure, ò’ kavete è prutètte.
 
Tu me haje lassate nda erèdetà rareke
 
è scille. Tuttekuille ka sònghe ògge
 
u déve a tè. Nesciuna museke éje akkussì
 
pjecèvule è rècchje mìje akkume ‘a paróle:
 
Patre! Agurje Papà, òvunghe tu staje!
 
Auguri Papà, ovunque tu sia
 
Caro Papà, sto sulla strada
 
che conduce al tramonto e, in questo
 
giorno ai papà dedicato, voglio
 
ringraziarti per quanto mi hai
 
dato fin dal giorno che sulla terra
 
sono arrivato  perché mi hai
 
fatto vedre il mondo attraverso i tuoi
 
occhi, vivere le amozioni attraverso
 
il cuore tuo e ho imparato ad amare
 
camminandoti accanto. L’amore
 
tuo mi ha dato la capacità di credere
 
in me stesso, a sognare in grande
 
e a lavorare duramente per raggiungere
 
i mie obiettivi. Tu mi hai spiegato
 
tutto quello che so e mastrata la strada
 
corretta da seguire ogni giorno. Per me
 
sei stato un padre, un amico e un
 
maestro. Ho visto il mondo
 
attraverso i tuoi occhi, ho vissuto
 
le emozioni attraverso il cuore tuo, ho
 
imparato ad amare standoti accanto. Il tuo
 
amore incondizionato  mi ha aiutato
 
a sentirmi sicuro, al caldo e protetto.
 
Tu mi hai lasciat in eredità radici
 
E ali. Tutto quello che so oggi
 
lo devo a te. Nessuna musica è così
 
piacevole alle mie orecchie come la parola:
 
Padre! Auguri Papà, ovunque tu sia!
Facebook
WhatsApp
Email