NEWS ON LINE Città         Pubblicata il

Nessun passo indietro, piazza della Repubblica sarà chiusa al traffico




Nessun passo indietro. Piazza della Repubblica sarà chiusa al traffico.L'incontro sollecitato dagli esercenti con il sindaco Tutolo è servito solo a ribadire le ragioni che sottendono al provvedimento di chiusura della piazza a partire dal 24 giugno prossimo. E a nulla sono valse le motivazioni dei commercianti che gestiscono negozi, temendo una consistente diminuizione dei loro introiti.

Da parte sua il sindaco ha motivato il provvedimento con una precedente delibera comunale, risalente all'amministrazione Dotoli, in forza della quale, piazza della Repubblica rientrava nel progetto di riqualificazione urbana, finanziato dalla Regione Puglia. Pertanto,la destinazione d'uso della piazza non può essere cambiata.
 
Ma, a distanza di anni,come è stato fatto rilevare,la delibera non avrebbe più efficacia.Fatto sta,che fra gli esercenti di piazza della Repubblica,per niente convinti dalle motivazioni del sindaco,si starebbe facendo strada l'idea di ricorrere al Tar per far annullare il provvedimento. Peraltro, fra i rilievi mossi,gli esercenti e non sono loro,si chiedevano come faranno a rientrare a casa-sopratutto coloro che abitano in piazza della Repubblica - a sera tardi, dovendo lasciare l'auto a notevole distanza dalle loro abitazioni. Poco male: l'amministrazione comunale metterebbe a disposizione dei bus-navetta.
 
Per Tutolo,insomma,è tutto molto semplice, un pò meno per chi dovrà sobbarcarsi disagi di vario genere.
La decisione di chiudere piazza della Repubblica, disarticolandola da un progetto di viabilità complessivo appare dannosa.Intanto occorrerà munire di numerosissimi
i fornitori che tutte le mattine,ed anche in altre ore della giornata, vanno a rifornire i negozi ubicati nella piazza. Si porrà quindi un problema di parcheggio, a meno che non  si voglia costringere le ditte fornitrici a lasciare  i furgoni molto alla lontana dalla piazza.
 
Altro problema connesso, i parcheggi lungo le strade adiacenti  e zone limitrofe.Insomma,la questione,se sulla carta agli occhi del sindaco e forse di chi lo ha consigliato, appare semplice,in realtà potrebbe rivelarsi un vero boomerang.
E non sarebbe il solo nell'amministrazione Tutolo.Lo stato di predissensto, a suo tempo invocato, è un esempio illuminante.
In tutto questo, l'opposizione ha fatto scena muta, tenendosi a distanza di sicurezza. Non vogliamo strumentalizzare il problema,avrebbe detto qualcuno. Una motivazione risibile.Va da se che, alle prossime elezioni, - quandoTutolo vorrà - questa opposizione perderebbe pure contro U' fantasma de Pacchialone: che iddio l'abbia in gloria.

G. Sammartino

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic