NEWS ON LINE Costume e Società         Pubblicata il

Il Santo del Giorno - a cura di Nicola Spallone

condividi




MAR 2 MAR S. PROSPERO         
MER 3 MAR S. MARINO
GIO 4 MAR S. CASIMIRO
VEN 5 MAR S. ADRIANO
SAB 6 MAR S.COLETTA
DOM 7 MAR S. FELICITA
LUN 8 MAR S. GIOVANNI DI DIO
MAR 9 MAR S. FRANCESCA ROMANA*
MER 10 MAR S. MACARIO


IL GIORNO 9 MARZO LA CHIESA RICORDA:
SANTA FRANCESCA ROMANA

In Cinese圣塔弗朗西斯卡罗马纳  (SANTA FRANCESCA ROMANA)
In Giapponeseサンタ・フランセス・ロマーナ ( SANTA FRANCESCA ROMANA )
In Russo    Санта-Франческа Романа (Santa Francesca Romana)
IN INGLESE -- Roman Saint Francesca  - SANTA FRANCESCA ROMANA
IN ARABO -     القديس فرانشيسكا الروماني–Santa Francesca Romana

Nata a Roma nel 1384    
Morta a Roma il 9 marzo 1440

Martirologio Romano: Santa Francesca Romana, religiosa, sposata in giovane età e vissuta per quarant’anni nel matrimonio, fu madre e moglie di grande virtù, ammirevole per pietà, umiltà e pazienza. In tempi di difficoltà, distribuì i suoi beni ai poveri, servi e malati e, alla morte del marito, si ritirò tra le oblate che ella stessa aveva riunito a Roma sotto la regola di San Benedetto.

Romae sanctae Francíscae Víduae, nobilitáte géneris, vitae sanctitáte et miraculórum dono célebris.

È compatrona di Roma, protettrice delle pestilenze, degli automobilisti e per la liberazione delle anime del purgatorio.

Vissuta tra gli agi di una nobile e ricca famiglia, nel suo animo coltivò l’ideale della vita monastica, purtroppo non poté sottrarsi alla scelta che per lei avevano fatto i suoi genitori. Sposò Lorenzo de’ Ponziani, altrettanto ricco e nobile, prese dimora nella casa nobiliare a Trastevere. Accettò con semplicità i doni della vita, l’amore dello sposo, i suoi titoli nobiliari, le sue ricchezze, i tre figli nati dal loro unione, due dei quali morirono. Sempre generosa con tutti e quando emise i voti nella congregazione da lei fondata, assunse il secondo nome di Romana. Non morì nel suo monastero ma nel palazzo Ponziani, dove si era spostata per pochi giorni per assistere il figlio Battista malato. Dopo poco tempo il figlio guarì, ma lei sfinita, morì il 9 marzo 1440.  Fu sepolta sotto l’altare maggiore della chiesa che poi prese il suo nome.

Nicola Spallone

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic