NEWS ON LINE Cucina         Pubblicata il

Le crustole di Natale: La ricetta

condividi


Il periodo natalizio è alle porte, perciò questa rubrica gastronomica sarà tutta dedicata a ricette a tema Natale, aperta a tutti gli utenti che volessero magari condividere con altri i propri piatti, trucchi e consigli! Inviate le vostre ricette...

Crust'l (ossia Crustole) di Natale

Ingredienti

1 Kg. di Farina 00
100 Gr. di Olio EVO
Vino Bianco Q.B.

Per condire:
Mosto cotto
Mandorle tritate

Procedimento

Fare la fontana sulla spianatoia, versarci l'olio e cominciare ad impastare con le mani aggiungendo di volta in volta un po' di vino fino a consistenza dovuta (deve avere la stessa consistenza circa della pasta all'uovo). Poi tirare con la macchinetta delle sfoglie sottili e tagliare delle striscie lunghe quanto la lunghezza della pasta e larghe circa 1-2 dita.
Arricciare la striscia di pasta, in modo da creare delle conchette ed arrotolare le conchette in modo tale da formare una rosellina.
Mettere tutte le crustole ad asciugare per tutta la notte. 
La mattina girare le crustole (saranno bene asciutte e dure sopra ed ancora umide sotto) in modo tale da farle asciugare bene anche sotto. 
Quando saranno completamente asciutte friggerle nell'olio di oliva EV e metterle a scolare sulla carta assorbente.
Mettere il mosto cotto a scaldare su di una padella e, una volta che si è ben liquefatto ed è bollente, mettere nella padella, poche per volta, le crustole girandole e facendole colorare benissimo all'interno del mosto.
Quando ciascuno crustola è completamente cosparsa di mosto toglierla dalla padella e cominciare a disporle nel contenitore nel quale verranno servite. Cospargere di mandorle tritate e lasciare raffreddare.

Buono a sapersi

Questa ricetta si tramanda di generazione in generazione conservando i segreti originali delle crustole. Sono i dolci di natale tipici della Puglia e sono quelli che nel passato i contadini preparavano per festeggiare il Natale. La tradizione vuole che gli unici ingredienti utilizzati fossero quelli all'epoca posseduti dai contadini e dalla povera gente e cioè farina (grano), olio (ulivi), mosto cotto (vino-uva), mandorle e basta.

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic