POLITICA Regione         Pubblicata il

Aumento Irpef in Puglia: La stangata arriva dopo le elezioni

condividi


Il Presidente della Regione Puglia -  Vendola


 
Vendola nella bufera
 
Il presidente Vendola ha firmato un decreto che aumenta l'addizionale Irpef per recuperare 93,6 milioni di euro del disavanzo sanitario 2010. L'aumento non sarà generalizzato ma modulato in base alle fasce di reddito. Restano esenti i redditi fino a 8mila euro. Il ministero ha accolto la proposta della Regione di modulare l'addizionele Irpef applicando lo 0,3% per i contribuenti con reddito fino a 28mila euro e lo 0,5% per coloro che hanno reddito superiore.  Per Michele Pelillo, Assessore Regionale al Bilancio, l'aumento è dovuto ad una errata previsione del Ministero. Per Aldo Pugliese, segretario generale Uil Puglia: " Siamo alle solite. La giunta regionale non riesce a contenere la spesa della Sanità e il conto, salatissimo, viene presentato ai cittadini".
Il capogruppo del Pdl in puglia Rocco Palese in una nota ha dichiarato: "Vendola ha aspettato giusto il tempo di far chiudere le urne dei ballottaggi e dichiarare ai tg nazionali che i candidati di estrema sinistra hanno vinto perché vicini alla gente e attenti alla povertà e subito dopo ha firmato il decreto con cui aumenta l'Irpef ai pugliesi per coprire i debiti della sua gestione sanitaria". Polemiche anche le parole che arrivano da Michele Emiliano, che del partito democratico rappresenta buona parte. Aumentare l'Irpef? Una vera e inacettabile doccia fredda.  Negativi anche i commenti dell'Italia dei Valori. Malumori che potrebbero concretizzarsi  politicamente nella seduta  del consiglio regionale del 27 giugno.
 
a.z.

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic