CULTURA Mostre         Pubblicata il

'Luc'era c'è!' tira le somme del 2004

condividi


In occasione delle ormai ultime scadenze in seno al 2004, anno che ha salutato l’avvio delle attività sviluppate dall’associazione culturale ‘Luc’era c’è!’, i soci del neonato sodalizio hanno indetto una conferenza stampa che avrà luogo nella giornata odierna presso la sede associativa, in via IV Novembre al civico 26, a partire dalle 18.

L’incontro con gli organi di informazione locali è stato organizzato per illustrare la programmazione che il comitato per la difesa del centro storico lucerino, ma anche del suo patrimonio storico-culturale, archivistico-documentale e architettonico, intende mettere in campo nei prossimi mesi dell’anno ormai alle porte.

Sulla scorta di quanto posto in essere nei primi dodici mesi di attività dell’aggregazione volontaristica, presieduta dal ricercatore di storia della 'Lucera d’antan', Franco Romice.

Circostanza propizia, questa, per la presentazione ufficiale delle 2mila e 500 firme  che ‘Luc'era c'è!’ ha raccolto, al fine di chiedere un intervento di tutela per il plesso conventuale di Sant’Anna, sito in piazza Duomo ed alienato in favore di privati nel gennaio scorso.

Ai cittadini è stato indicato, in modo semplice quanto diretto, di offrire il proprio contributo allo scopo di salvare la seicentesca struttura dal degrado in cui purtroppo versa.

E perchè sia destinata all’uso pubblico e alla fruizione culturale per cui venne edificata nel diciassettesimo secolo, attraverso una raccolta fondi estesa alla cittadinanza tutta.

Le 2mila e 500 sottoscrizioni così messe assommate – le cui cui copie fotostatiche con atto di civile protesta  saranno indirizzate alle autorità competenti: Ente comunale, Soprintendenza ai Beni Architettonici, e  per ultimo ma non ultimo, il Ministero dei Beni Culturali – testimoniano la risolutezza nel difendere l’identità della cittadina federiciana.

Prendendo le distanze da una ‘logica mercantilistica’ che intende soltanto distruggere un convento per costruire appartamenti e collocarvi box interrati, a pochi passi dalla trecentesca Basilica Cattedrale.

Azione sensibilizzatrice che vuol, al contrario, supportare uno sviluppo che passi per la tutela dello stesso patrimonio e la sua valorizzazione.

Il ‘rendez-vous’ di fine anno offrirà, poi, il destro per illustrare le iniziative, con le quali  il medesimo gruppo di lavoro, prolungherà l’attività avviata in novembre, con le due conversazioni nell’Archivio di Stato di Lucera e la presentazione del volume ‘La memoria che resta’ di Giovanni Rinaldi.

 

Costantino Montuori

 

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’indirizzo telematico:

ass_lucera@libero.it

Cell. 338/4570070

Sede associativa: Via IV Novembre, 26 – 71036 Lucera (Fg)

Telefax: 0881/549866

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic