NEWS ON LINE Diocesi         Pubblicata il

Festa Padre Maestro: il programma e non solo.

condividi


Come ogni anno, anche per il 2022 torna la festa dedicata al Santo di Lucera, San Francesco Antonio Fasani, conosciuto come il Padre Maestro. Possiamo dire con certezza che è la festa dei lucerini e della città: Lucera ha visto nascere il Fasani, lo ha visto crescere e, dopo il periodo di formazione in diversi conventi tra Campania e Molise, fino ad Assisi, lo ha visto operare per più di trent’anni tra la sua gente. E, in particolare, a favore dei più bisognosi, poveri, ammalati e carcerati, attraverso un’instancabile opera di carità, sostenuta da una ricchissima spiritualità francescana e mariana, alimentata da un’incessante preghiera e zelante penitenza e illuminata da una profonda cultura.

E’ la festa, dunque, che annualmente riporta i lucerini a riflettersi sulla figura di quest’uomo eccezionale, alla ricerca di quelle virtù che lo hanno portato alla santità e di cui oggi, forse più di ieri, si avverte la necessità di sperimentare e di vivere, considerato che la nostra realtà spesso ne appare priva o carente.

Il programma della festa tende a mettersi alle spalle le restrizioni da Covid 19, che nei due anni precedenti hanno limitato, e di molto, le cosiddette “manifestazioni esterne”.

Dopo l’anteprima affidata alle Confraternite della Diocesi, che il 19 novembre pregano e lodano il loro speciale protettore, si susseguiranno le nove parrocchie della città, che porteranno i propri fedeli al cospetto del Padre Maestro. Si pregherà il Santo Rosario alle 18.00 e si celebrerà la Santa Messa alle 18.30. Inizierà il 20 la Parrocchia di Lucera 2, intitolata proprio a San Francesco Antonio e chiuderà il 28 la Cattedrale. Quest’anno, superando le restrizioni di cui sopra, le parrocchie, dopo la loro Celebrazione Eucaristica, alle 19.15, omaggeranno il Fasani con canti e preghiere, tratte dai suoi scritti. La sera del 28, dopo la celebrazione eucaristica, si celebrerà la paraliturgia del Transito, con la memoria della morte del Fasani, presieduta dal Ministro Provinciale dei Frati Minori Conventuali di Puglia, p. Daniele Maiorano.

Il 29, giorno della festa, oltre a quella dello 8.00, si terranno le Messe per gli studenti: alle 10.00 saranno accolti i bambini e i ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado, mentre alle 11.30 i giovani delle superiori. La sera, invece, alle 18.00, sarà officiata la Solenne Concelebrazione Eucaristica, presieduta da S. Em. Cardinale Mauro Gambetti, Arciprete della Basilica di S. Pietro, Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano. Il sindaco della città, avv. Giuseppe Pitta, procederà all’accensione della lampada votiva. La liturgia sarà animata dal Coro Femminile della Basilica-Santuario, diretto da Lucia D’Apollonio.

Durante tutte le Messe del 29 ci sarà il banchetto dei panini benedetti per la raccolta fondi a scopi caritativi.

Dopo le restrizioni dettate dalla pandemia, torna la processione per le vie del centro cittadino con l’accompagnamento della Banda di Roseto Valfortore, diretta da Matteo Sabatino. La stessa e il Gruppo Sbandieratori e Musici “Puer Apuliae” chiuderanno i festeggiamenti con proprie esibizioni.

L’aspetto divulgativo e comunicativo sarà curato dal Gruppo Comunicazione “Fasani” della Basilica-Santuario attraverso la diretta sulle pagine Facebook della Basilica-Santuario, di Studio9tv e di Lucerabynight della Solenne Concelebrazione Eucaristica del 29 novembre. Questa sarà trasmessa in diretta anche da Radio Kolbe di Melfi, grazie alla collaborazione di p. Giuseppe Cappello, Direttore della radio, gestita dai Frati Minori Conventuali della Campania e della Basilicata.

Quest’anno torna inoltre TV2000, che trametterà un servizio in diretta nel programma “Di buon mattino”, condotto da Antonella Ventre. Il contributo televisivo andrà in onda tra le 8.00 e le 8.30 del 29 novembre con la presenza negli studi romani di p. Raffaele Di Muro, frate minore conventuale lucerino, preside della Facoltà Pontificia “San Bonaventura - Seraphicum” di Roma, che illustrerà alcune caratteristiche del nostro Santo e della festa in suo onore.

Un ricco menù, dunque, attraverso cui tutti i lucerini e non potranno riabbracciare solennemente il “loro” Santo: è un’occasione per riappropriarsi di una ben precisa identità religiosa, morale e culturale che il Fasani propone, affinché l’intera comunità cittadina e diocesana possa manifestarla ampiamente e possa farla propria, assicurando in tal modo una vera crescita e un pieno sviluppo del suo tessuto sociale ed economico. Ce lo auguriamo di vero cuore. Buona festa!

P.S. Per chi volesse contribuire economicamente, può farlo direttamente presso la Basilica-Santuario in Piazza Tribunali o attraverso un bonifico bancario all’IBAN IT53M0503478440000000002464 intestato a: Basilica-Santuario San Francesco Piazza Tribunali 15, Lucera. Grazie!

La comunità dei frati minori conventuali di Lucera

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic