CULTURA Poesie         Pubblicata il

Antonio da Padova: il Santo dei miracoli. Poesia di Pasquale Zolla

condividi


Oggi solo  un tuo intervento miracoloso ripotrà dare pace ai martoriati fratelli ucraini, massacrati da un guerrafondaio senza scupoli.
 
Lude a Sandandònje da Paduve
 
Ò Sandandònje da Paduve, lustróre
e duttrine è fuke de karetà,
òme de Dìje, suvace d’a umeltà
de Kriste è majèstre d’a celèste
saggèzze, tròmme d’u Spirde Sande,
arke d’u Testamènde è zelanne
prerekatóre d’u Vangéle, te vòghje
fà ‘na suppreke: arrevute l’ucchje
tuje vèrz’a alma mìje; kunzule
‘a ‘ffrezjòne mìje facènneme truvà
pe sèmbe a grazje  de Dìje, da mè
tandavóte perdute k’u pekkate.
Sacce k’a féde mìje dèbule éje,
ma tu, k’haje pussedute sta vertù
m’mude merabele è sciuscetate l’haje
k’a prerekazjòne è mendune de gènde,
rjappiccele dinde ammè è rennile
chjù fórte è pure; tu ka kunnute
haje nu kambà sekònne u Vangéle,
ajuteme a rènne chjù krestjane ‘a mìje,
m’mude da ghèsse fighje digne d’u Patre
ka nd’i cile stace; nzukkurze vine
d’a debulèzza mìje, tenènne
lundane i malatìje è i perikule
de l’alme è d’u kurje; aiuteme
a repòne sèmbe ‘a feduce nd’a Dìje,
specialmènne nd’i mumènne d’a pròve
è d’u delóre. Benedice a fatika mìje,
‘a famighja mìje è aùttine a tutte
‘a bunnà d’u kóre vèrze i pòvere
è i suffrènde. Ò Sandandònje
de Paduve, kumburte i sturte d’alme,
nzukkurre i pòvere, aùttine
u perdune è pekkature, ‘a perzevranze
è juste, è a tuttekuande nu kambà
preffètte, ‘na mórte sande è u repuse prepètuve.
 
Lodi a S. Antonio da Padova
 
O S. Antonio da Padova, luce
di dottrina e fuoco di carità,
uomo di Dio, seguace dell’umiltà
di Cristo e maestro della celeste
sapienza, tromba dello Spirito Santo,
arca del Testamento e zelante
predicatore del Vangelo, ti voglio
rivolgere una supplica: volgi gli occhi
tuoi verso la mia anima; consola
la mia afflizione facendomi trovare
per sempre la grazia di Dio, da me
tante volte persa col peccato.
So che la mia fede è debole,
ma tu, che hai posseduto questa virtù
in modo mirabile e suscitata l’hai
con la predicazione alle folli,
ravvivala in me e rendila
più forte e pura; tu che condotto
hai una vita evangelica,
aiutami a rendere più cristiana la mia,
in modo da essere figlio degno del Padre
che sta nei cieli; vieni in soccorso
della mia debolezza, tenendo
lontano le malattie e i pericoli
dell’anima e del corpo; aiutami
a riporre sempre la fiducia in Dio,
specialmente nei momenti della prova
e del dolore. Benedici il mio lavoro,
la mia famiglia e ottieni a tutti
la bontà del cuore verso i poveri
e i sofferenti. O S. Antonio
da Padova, conforta i pusillanimi,
soccorri i poveri, ottieni
il perdono ai peccatori, la perseveranza
ai giusti, e a tutti una vita
perfetta, una morte santa e un riposo perpetuo.

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic