CULTURA Poesie         Pubblicata il

Nota e Poesia sulla Domenica delle Palme di Pasquale Zolla

condividi


Buona domenica delle Palme
 
La Domenica delle Palme inizia la celebrazione della settimana Santa che celebra gli ultimi giorni della vita terrena di Gesù. È  l’inizio della settimana in cui il Messia vivrà tormenti interiori, sofferenze fisiche, processi ingiusti e la salita al Calvario, la crocifissione e la morte.
 
Gesù, secondo la profezia di Zaccaria, entrò a Gerusalemme seduto su un puledro di asina mentre la folla lo acclamava con rami di palma tra le mani, come un re.
 
Gesù però è un re diverso da quello tradizionale. Il Salvatore si manifesta privo di ogni forma di potere, e fa il suo ingresso armato solamente di pace e perdono.
 
Che questa giornata porti a tutti pace, serenità e tanta felicità.
 
 
 


‘A dumèneke d’i Palme
 
Gesù dinda Jerusalèmme trase
 
akkume lature de prjèzze è nò de
 
putére, sènza defése è rerènne,
 
nen arréte a skuille uerrèske de tròmme; mudèste è avete, peghjate d’amòre
 
p’u sande pajése. A kavalle vace
 
de nu ciucciarille è akkughjute véne
 
da nu sakke de gènde ke kacchjetille
 
de vulive è de palme. Affacìmele
 
nustre kuillu ‘ndusjasme: demenanne
 
i palme è i kacchjetille de vulive
 
manefestame ‘a lude è ‘a prjèzze, u vulìje d’arrecéve Gesù ka vén’a nuje. Kume
 
facìje nd’u Vangéle, jènne a kavalle
 
de nu ciucciarille véne annuje
 
nd’u nòme d’u Segnòre: k’a putènze
 
d’u ammòre suje devìne i pekkate
 
nustre perdunéje è ce arrekungìlje
 
k’u Patre  è ke nuje stisse. Kuèlla
 
semmane de passjune ce avarrìje
 
trasì nd’u kòre, nd’a kape è nd’i ùsse
 
pe ce dà ‘a fòrze è u sustègne de purtà
 
pace andò pace ne nge ne stace,
 
pace purtà ke nuje stisse è ‘a ‘rrjalà
 
è’ avete sènza manghe ‘na destenzjune.
 
K’u kòre arrapirte ò’ amòre,
 
a’ kujéte è ò’ lustrekòre d’u spirde.
 
 
 
La domenica delle Palme
 
Gesù entra in Gerusalemme
 
come portatore di gioia e non di
 
potere, inerme e sorridente,
 
non dietro a squilli bellici di trombe;
 
umile e alto, rapito d’amore
 
per la santa città. Cavalca
 
un asinello e viene accolto
 
da una folla numerosa con ramoscelli
 
di ulivo e di palme. Facciamolo
 
nostro quell’entusiasmo: agitando
 
le palme e i ramoscelli di ulivo
 
esprimiamo la lode e la gioia, il desiderio
 
di ricevere Gesù che viene a noi. Come
 
fece nel vangelo, cavalcando 
 
un asinello  viene a noi
 
nel nome del Signore: con la potenza
 
del suo amore divino i peccati
 
nostri perdona e ci riconcilia
 
col Padre e con noi stessi. Quella 
 
settimana di passione ci dovrebbe
 
entrare nel cuore, nella mente e nelle ossa
 
per darci la forza e il sostegno di portare
 
pace dove pace non ce n’è,
 
pace portare con noi stessi e donarla
 
agli altri senza nessuna distinzione.
 
Con il cuore aperto all’amore,
 
alla serenità e alla luce dello spirito.
 


Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic