CULTURA Poesie         Pubblicata il

San Valentino: Nota e Poesia di Pasquale Zolla

condividi


 NOTA E POESIA SU SAN VALENTINO DA PASQUALE ZOLLA

 



Quando e come nacque la festa degli innamorati  
 
Si racconta che il 14 febbraio dell’anno 496, giorno di san Valentino, papa Gelasio avesse celebrato una messa per tutte le coppie di fidanzati di Roma che si sarebbero sposate entro l’anno.
 
Al termine della messa gli innamorati avevano sfilato di fronte al papa che aveva benedetto la loro unione donando ad ogni coppia una rosa rossa, ripetendo così il gesto compiuto da Valentino 250 anni prima e dando origine alla festa degli innamorati.
 
Si racconta, appunto. Ma non è vero: perché in realtà quella dell’istituzione della festa di San Valentino non è altro che una leggenda nella leggenda.
 
La cerimonia descritta dalla leggenda, detta festa dalla promessa, nella realtà è stata introdotta dai frati carmelitani a cavallo tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta del XX secolo nella basilica ternana. Luogo dove ogni anno il vescovo di Terni celebra una messa per le coppie di fidanzati che si sposeranno entro l’anno.
 
La cerimonia è approdata in Vaticano solo il 14 febbraio 2014, quando il presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia Vincenzo Paglia, ex vescovo di Terni, ha organizzato in Piazza San Pietro l’incontro dei fidanzati con papa Francesco.
 
La festa di san Valentino non è mai stata – e non lo è nemmeno oggi – una solennità della Chiesa, tanto che in quell’occasione lo stesso papa Francesco aveva ammesso privatamente di non sapere chi fosse san Valentino e di aver sempre associato il giorno degli innamorati ad una ricorrenza squisitamente consumistica.
 
Il primo ad associare il giorno di san Valentino con l’amore romantico viene considerato Geoffry Chaucer nel Parlamento degli uccelli, dove afferma che Riccardo II d’Inghilterra lo aveva scelto per sancire il fidanzamento con Anna di Boemia. In realtà, però, i due si sono fidanzati il 2 maggio, giorno in cui la Chiesa celebra un altro san Valentino: il primo vescovo di Genova, martirizzato nel 325. In compenso il 14 febbraio 1400 a Parigi sarebbe stato fondato “L’alto tribunale dell’Amore” istituzione ispirata ai principi dell’amor cortese, mentre al 1415 risale il primo “valentino” della storia: a scriverlo Carlo d’Orléans, detenuto nella Torre di Londra dopo la sconfitta nella battaglia di Agincourt, che si rivolse a sua moglie con le parole: “Je suis desja d’amour tanné, ma tres doulce Valentinée….”.Anche in questo caso, però, si tratterebbe semplicemente del nome della donna, senza reali riferimenti al Patrono dell’Amore.
 
 
Tu è ìje
 
Prime de te ngundrà ‘na vite kambave
 
ka nenn’éve ‘a mìje, skumbeghjate
 
nd’a kutedjanetà è nd’i ngertèzze mìje,
 
kunuscènnete nasce fatte haje nd’u kòre
 
mìje u arkuvaléne è ìje mbarate agghje
 
a kambà ‘a vite, è i ngertèzze mìje
 
se sònne sperdute. Tu è ìje, sènza chjù
 
tu nè ìje, aunute ce sime nvesebilje,
 
lite è kundènde, è libere d’i ‘nutele
 
paróle; tu è ìje aunute d’ò chjù fórte,
 
d’ò chjù kare avvrazze, è kumughjate
 
de ‘na tòste kurazze, rerute avime
 
a tuttekuande sènza manghe ‘na pavure.
 
Ne nge sime prukkupate de kuille
 
 ka u destine pe nuje decise avéve;
 
kammenate avime anzime mane
 
nd’a mane, ke l’alme de krjature
 
de kuille ka béne se vònne ‘mmanére 
 
skitte. U ammòre ka dinde purtavame
 
have avute nu putére mbenite
 
ngrade de suprà i kumbine d’u kambà
 
è date ce have ‘a pussebeletà d’amà
 
sènza timbe. A tè, Ammòre mìje,   
 
pe l’allerìje, i rerute, i lagreme
 
è i rekurde k’avime kunnevise dind’i anne,
 
è pe avè attraverzate pure i nòtte chjù skurde
 
ka se jenghèvene de brellòkke d’u cile
 
k’i kurje nustre k’abballavene kungòrde
 
è i musse nustre ka se avveveravene
 
reciprukamènde, bune sande Valendine.
 
Te vòghje béne ògnè jurne de chjù!
 
 
 
 
 
 
 
Tu e io
 
Prima d’incontrarti vivevo una vita
 
che non era la mia, ingarbugliata
 
nella quotidianità e nelle mie incertezze,
 
conoscendoti hai fatto nascere nel cuore
 
mio l’arcobaleno e io ho imparato
 
a vivere la vita, e le mie incertezze
 
si sono dissolte. Tu e io, senza più
 
tu né io, ci siamo uniti nell’estasi,
 
lieti e felici, e liberi dalle vane
 
parole; tu e io uniti dal più forte,
 
dal più caro legame, e ricoperti
 
di una dura corazza, abbiamo sorriso
 
a tutti senza paura alcuna.
 
Non ci siamo preoccupati di quello
 
che il destino per noi aveva stabilito;
 
abbiamo camminato insieme mano
 
nella mano, con l’anima infantile
 
di quelli che si amano in modo
 
puro. L’amore che dentro portavamo
 
ha avuto un potere infinito
 
in grado di superare i confini della vita
 
e ci ha dato la possibilità di amare
 
senza tempo. A te, Amore mio,  
 
per l’allegria, i sorrisi, le lacrime,
 
e i ricordi che abbiamo condiviso negli anni,
 
e per aver attraversato anche le notti più buie
 
che si riempivano di stelle
 
con i nostri corpi che danzavano all’unisono
 
e le nostre labbra che si dissetavano
 
scambievolmente, buon san Valentino.
 
Ti amo ogni giorno  di più!
 
 
 
 

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic