NEWS ON LINE Città         Pubblicata il

Codirenzi: 'Potenziare l'Ospedale di Lucera per decongestionare Foggia'

condividi


 
 
di Costantino Montuori 
 
Da operatore del campo e, soprattutto, da consigliere comunale in carica dallo scorso 25 novembre, Simone Codirenzi è tornato a puntare il faro sui temi della sanità pubblica lucerina. 
 
Il giovane amministratore comunale ha offerto un resoconto dettagliato in termini di date, dati e di proposte attuative. Una disamina sui numeri, la sua, meritevole di considerazione. Tanto da parte dell'opinione pubblica locale quanto dal lato del ceto politico regionale. 
 
Come noto i decisori della cosa pubblica, quelli di vertice, operano a Bari. È lì che, chi di dovere, è chiamato a levare il grido di dolore della nostra realtà e di quelle dei Monti Dauni. Se non ora quando sennò? A seguire vi proponiamo la lettura dell'articolato intervento-denuncia a forma di Codirenzi. 
 
"Gennaio 2020. 'Quali prospettive per il Lastaria?'. Era il titolo del seminario tenuto nella Biblioteca Comunale di Lucera", ricorda l'esponente dei Popolari. 
 
"19 Dirigenti medici afferenti a Lungodegenza - Post Acuzie, Pronto Soccorso, Geriatria. 
 
• 3 Dirigenti medici - Cardiologia 
• 4 Dirigenti medici - Dialisi
• 2 Dirigenti medici - Oncologi
• 4 Dirigenti medici - Radiologi
• 4 Dirigenti medici - Biologi
• 3 Dirigenti medici - Anestesisti
• 8 Tecnici Radiologi
• 5 Tecnici di Laboratorio 
• 4 Fisioterapisti 
• 90 Infermieri
• 36 Oss 
 
Era questo il quadro (sulla carta) prospettato per rilanciare il Presidio Lastaria dopo la sua unione con il Policlinico Riuniti di Foggia. 
 
La realtà è alla portata di tutti: chiusura del Pronto Soccorso nel novembre 2020 per carenza di medici, riapertura a maggio 2021 con un rinnovo della convenzione per i medici del 118 (problema non risolto). 
 
Dal 2 gennaio 2022 il Pronto Soccorso è chiuso nelle ore notturne (h12). Stesso problema: carenza di medici. La proiezione sull'anno 2021 è di circa 9.000 accessi. 
 
Dal 14 gennaio si è registrata la chiusura, nelle ore pomeridiane, del Laboratorio Analisi causa carenza di tecnici di laboratorio. Ed ancora criticità in Radiologia Medica per carenza di personale. 
 
La Chirurgia, nel 2021, ha all'attivo circa 2.500 interventi con un servizio di Anestesia decisamente carente. Il Dipartimento di Medicina, Geriatria e Lungodegenza è in affanno sempre per carenza di medici. L'Oncologia è ferma ai nastri di partenza. 
 
È evidente che la suddetta dotazione organica non è mai stata presa in considerazione. 
 
Nel novembre 2021 si è avuta l'approvazione della graduatoria nel concorso di Medicina Interna. Con la possibilità di assumere almeno 10 medici a tempo indeterminato per uscire da questo impasse. 
 
La soluzione immediata è sempre ridurre o chiudere un servizio. Personale poco considerato con un trattamento da serie B. 
 
A chi giova tutto questo? Provo vergogna per me e per la mia comunità. La Regione Puglia deve dare delle risposte. Chi ha mentito ad un territorio così vasto e definito, grazie al Decreto Ministeriale 70/2015, 'Presidio di Area Disagiata'? Facciamo ripartire questa macchina, potremmo decongestionare il Policlinico di Foggia", chiosa Simone Codirenzi. 
 
Coloro che detengono un mandato elettivo, dai trenta e più Sindaci interessati ai nove tra Assessori e Consiglieri regionali di Capitanata, non possono che trarne le conclusioni del caso. Con riscontri fattuali (si spera).

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic