CULTURA Poesie         Pubblicata il

Giornata della Memoria, nota e poesia di Pasquale Zolla

condividi


La giornata della memoria  
La giornata della memoria venne istituita in Italia nel 2000 per ricordare l’orrore della Shoah, che ha portato lo sterminio di milioni di innocenti durante la seconda guerra mondiale.
 
Genocidio, sterminio di massa, soluzione finale: la memoria serve a ricordare e smuovere le coscienze assopite dei negazionisti, che dovrebbero chinare il capo, in segno di scuse alle vittime dell’olocausto e a tutte quelle persone che vennero uccise a seguito di misure di persecuzione razziale e politica e di pulizia etnica.
 


Pekkè u jurne d’a mammòrje
 
‘A mammòrje u uneke ‘mmunizze éje
 
kòndre ‘a ndreffrènze. Smemuratèzze
 
sciaùre éje, mèndre mammòrje éje
 
reskatte. ‘A mammòrje éje akkume
 
ò’ mare: ndréte dace vriccele rutte
 
dòppe tandanne. Èsse determenande
 
éje pekkè rikke rènne ‘a vite, dritte dace,
 
kumbrunde face fà, ‘a pussebeletà
 
dace de penzà a ‘rrure ò kòse juste
 
fatte. Nenn’éje nu ‘same de kuscènze
 
ò d’arrekurdà u tèrmine de ‘na date,
 
ma kakkèkkòse decchjù éje, ka dà
 
valóre ò’ kambà. Kuanne u kurtighje
 
d’a mammòrje s’akkuminge a sekkà,
 
se kurene i uteme chjandecèlle
 
è i uteme ròse arrumase ke n’amòre
 
angòre chjù grusse. Pe nenn’i fà
 
assekkà, se mbònnene è kukkulèjene
 
d’a matine a’ sére: rekurde, rekurde,
 
‘mmude da nen skurdà. U prugrèsse, lundane
 
d’ò kunzendì u kagnaminde, depènne
 
d’a kapacetà d’arrekurdà. Pèrde u jìre
 
segnifeke pèrde u ‘vvenì, pekkè kuille
 
ka succisse éje póde arreturnà,
 
i kuscènze pònne ‘nata vóte èsse
 
strekate è annerute. Nuje sime
 
‘a mammòrje k’avime è ‘a respunzabeletà
 
ka ce peghjame. Sènza mammòrje ne nzime
 
è sènza respunzabeletà nen meretame d’èsse!
 
 
Perché il giorno della memoria
 
La memoria è l’unico vaccino
 
contro l’indifferenza. Dimenticanza
 
è sciagura, mentre memoria è
 
riscatto. La memoria è come
 
il mare: restituisce brandelli di rottami
 
a distanza di anni. Essa determinante
 
è perché arricchisce la vita, dà diritto,
 
fa fare dei confronti, la possibilità
 
dà di pensare ad errori o cose giuste
 
fatte. Non è un esame di coscienza
 
o di ricordare la scadenza di una data,
 
ma è qualcosa di più, che dà
 
valore alla vita. Quando il giardino
 
della memoria inizia a inaridire,
 
si accudiscono le piantine 
 
e le ultime rose rimaste con un affetto
 
ancora maggiore. Per non farle
 
avvizzire, si bagnano e si accarezzano
 
dalla mattina alla sera: ricordi, ricordi,
 
in modo da non scordare. Il progresso, lungi
 
dal consentire il cambiamento, dipende
 
dalla capacità di ricordare. Perdere il passato significa perdere il futuro, perché ciò
 
che è accaduto può ritornare,
 
le coscienze possono nuovamente essere
 
sedotte e oscurate. Noi siamo
 
la memoria che abbiamo e la responsabilità
 
che ci assumiamo. Senza memoria non esistiamo
 
e senza responsabilità non meritiamo di esistere.
 
 

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic