CULTURA Poesie         Pubblicata il

Giornata contro la violenza sulle donne 25 novembre. Nota e poesia su violenza da Pasquale Zolla

condividi




Il 25 novembre è la Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una giornata dedicata al maltrattamento fisico e psicologico che molte donne nel mondo subiscono. Una giornata per dire No tutti i giorni alle minacce e attacchi verbali, alle aggressioni fisiche, allo stalking e allo stupro.
La violenza sulle donne ha migliaia di forme e sfaccettature, in un abisso di buio in cui nessuna donna dovrebbe mai finire. La morte è, da sempre, il prezzo più alto pagato dalle donne che si trovano ad avere a che fare con la violenza maschile, ma non è l’unica cosa perché si manifesta la prima volta con forme irriconoscibili. Anche perché spesso il carnefice è colui che dice di amare: un marito o un fidanzato.

La data è stata scelta in ricordo dell’assassinio, avvenuto il 25 novembre 1960, delle sorelle Mirabal che, nella Repubblica Dominicana, tentarono di contrastare il regime del dittatore Trujillo, ma vennero sequestrate, mentre andavano a trovare i loro mariti in carcere, dal servizio di informazione militare e stuprate, torturate e uccise.
Il loro nome in codice era Las Mariposas “Le farfalle” e la loro uccisione scatenò una dura reazione popolare che portò, nel 1961, all’uccisione di Trujillo e alla fine della dittatura.
La data è stata commemorata per la prima volta durante il primo Incontro Internazionale Femminista, svoltosi a Bogotà (Colombia) nel 1980.


Nò a’ vjulènze sóp’è fèmmene

U vindecinghe de nuèmbre nu jurne éje
d’a semmane d’u mése, d’u anne, d’a vite
kòndre ‘a vjulènze sópe è fèmmene.
‘A vjulènze ‘na malatìje éje k’a tutte
kuille k’aùsene male fà, òdefóre
d’a kaveze. Èsse fòrze nenn’éje
ma debulèzze, né maje èsse pòde
krjatrice de nesciuna kòse, ma sckitte
‘a struje. Si vuje agamà ‘na fèmmene
falle fòrte, ma nò k’a fòrze. ‘A vjulènze
nenn’adda truà justefekazjòne maje.
Ki vjulènde éje k’i paróle éje
già nu mecide: i paróle sònne i prime
arme a despusezjune pe ferì è neà
‘a vite de n’avete. Abbesugna dì Nò
a ògnè “ma” “appèrò” “se”. È i mane s’hanna
avezà sckitte pe mujìne fà è nò p’avatte
e strasfurmà ‘a vite de ‘na fèmmene nda ‘na péne.
Dì Nò a’ vjulènze póde assemeghjà
skundate, ma fenghè besugne ce sarrà
de ‘na jurnate munnjale kòndre ‘a vjulènze
sóp’è fèmmene segnefekéje ka i nustre
Nò nzarrane state angòre avvastande.
I dritte d’i fèmmene ‘na respunzabeletà
sònne di tutte u jènere umane; kumbatte
kòndre ognè fròmme de vjulènze ngmbrunne
d’i fèmmene nu duére éje d’a umanetà;
u raffurzaminde d’u putére de azjòne
d’i fèmmene segnefekéje ‘a ‘vuluzjòne
de tuttakuande u jènere umane.


No alla violenza sulle donne
Il 25 novembre è un giorno
della settimana del mese, dell’anno, della vita
contro la violenza sulle donne.
La violenza è una malattia che tutti
coloro che la usano danneggia, a prescindere  
dalla causa. Essa non è forza
ma debolezza, né mai può essere
creatrice di cosa alcuna, ma soltanto
distruggerla. Se vuoi amare una donna
fallo con forza, ma non con la forza. La violenza
non deve trovare mai giustificazione.
Chi è violento con le parole è
già un assassino: le parole sono le prime
armi a disposizione per ferire e negare
la vita di un altro. Bisogna dire No
a ogni “Ma” “però” “se”. E le mani si devono
alzare solo per accarezzare e non pe picchiare
e trasformare la vita di una donna in un incubo.
Dire No alla violenza può sembrare
scontato, ma finché ci sarà bisogno
di una giornata internazionale contro la violenza
sulle donne significa che i nostri
No non saranno stati ancora abbastanza.
I diritti delle donne una responsabilità
sono di tutta l’umanità; lottare
contro ogni forma di violenza nei confronti
delle donne è un dovere dell’umanità;
il rafforzamento del potere di azione
delle donne significa il progresso
di tutta l’umanità.

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic