CULTURA Poesie         Pubblicata il

Nota e poesia sul 2 novembre da Pasquale Zolla

condividi


2 Novembre: Ricordiamo i nostri cari defunti  
 
La morte di una persona amata crea un buco nero nel nostro cuore che non si risolve con parole umane. Quel vuoto di amore sembra spegnere la voglia di respirare perché l’affetto della persona che non c’è più era l’ossigeno per i nostri polmoni.
 
È la prova più dura alla quale la vita ci sottopone. Ma tutti, prima o poi, siamo chiamati ad affrontare questo dolore, che non è muto, inutile e senza senso, anche se straziante.
 
Per dare un significato alla morte bisogna vivere questa mancanza, affrontarla, trapassarla. Possiamo condividerla in silenzio o con le lacrime; abbracciare con rispetto e tenerezza  anche la rabbia e la disperazione, spesso forti come l’amore ferito che le genera. È, pertanto, necessario vivere quello che la vita ci mette davanti; avere fiducia nel mistero della vita che custodisce un significato che è tanto più grande di noi.
 
Chi ha fede nel Dio di Gesù, sa che Egli ci restituirà ogni persona che abbiamo amato. Un giorno sorella Morte si arrenderà di fronte alla vittoria dell’Amore infinito di Dio, perché nulla e niente ci può separare dall’Amore eterno di Dio, che custodisce il senso di tutto e illumina ogni mistero.
 
E la poesia in vernacolo è dedicata al senso della morte corporale e la rinascita dello spirito nelle braccia di Dio.
 


‘A mòrte nenn’éje’a ’utema paróle
 
‘A mòrte éje ‘na skòsse  ka mbavurisce
 
è mbuverisce è i ‘llusjune kadè face,
 
ma éje appure nu tremulizje
 
ka ce supprènne, ce allustrekéje
 
è ce trasfeguréje. Kuanne ‘na perzòne
 
ce lasse, assemèghje skumbarute
 
pe sèmbe. Ma u rekurde d’i perzòne
 
ka kare ce sònne state kambe
 
 pe sèmbe nd’i kure nustre: chjù fòrte
 
de kuarzìjeze avvrazze, chjù mburtande
 
de kuarzìjeze paróle. ‘A mòrte nenn’éje
 
‘a utema paróle è nu jurne ‘n’ata vòte
 
i ngundrarrime. U stèsse Gesekriste
 
u kumbèrme ammunènnece a cerkà
 
nò i trasure ka se kunzumèjene è sònne
 
arrubbate, ma kuille k’arrumanene
 
è sònne i stèsse kualetà de Dìje:
 
veretà, amòre, justizje, vertù.
 
Nd’a mòrte ce stace ‘na rescetate
 
chjù dòrce pekkè annanz’a’  pòrta suje
 
u ‘rezzònde s’arrape d’u mbenite è d’u perènne. 
 
Dìje ne nzarrà ‘na ‘mmagene sfukate,
 
 nu presendeminde sblennènde è respecchjate,
 
 ma u vedarrime facce a facce, akkussì
 
 kume Isse éje, nda nu parlà de ndemetà.
 
La morte non è l’ultima parola
 
La morte è una scossa che atterrisce
 
e impoverisce e fa cadere le illusioni,
 
ma è anche un fremito
 
che ci sorprende, ci illumina 
 
e ci trasfigura. Quando una persona
 
ci lascia, sembra scomparsa
 
per sempre. Ma il ricordo delle persone
 
che ci sono state  care vive 
 
per sempre nei nostri cuori: più forte
 
di qualsiasi abbraccio, più importante
 
di qualsiasi parola. La morte non è
 
l’ultima parola e un giorno di nuovo
 
li incontreremo. Lo stesso Gesù Cristo 
 
lo conferma ammonendoci a cercare
 
non i tesori che si consumano e sono
 
rapinati, ma quelli che permangono
 
e sono le stesse qualità di Dio:
 
verità, amore, giustizia, virtù.
 
Nella morte c’è un risveglio 
 
più dolce perché davanti alla sua soglia
 
si apre l’orizzonte dell’infinito e dell’eterno.
 
Dio non sarà un’immagine sfocata,
 
un’intuizione balenante e riflessa,
 
ma lo vedremo faccia a faccia, così
 
come Egli è, in un dialogo di intimità

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic