CULTURA Poesie         Pubblicata il

San Francesco Patrono d’Italia

condividi


Nota e poesia su San Francesco  di Pasquale Zolla

San Francesco Patrono d’Italia
 
Nacque in Assisi nel 1182 da un ricco mercante di stoffe, Pietro Bernardone, e trascorse la sua giovinezza in piaceri e divertimenti.
 
All’età di 24 anni, durante una battaglia tra Assisi e Perugia, venne catturato e imprigionato e a causa della lunga prigionia cadde ammalato ed ebbe una visione che lo invogliò a mettersi non a disposizione degli uomini, ma di Dio.
 
Rilasciato, si recò in pellegrinaggio a Roma e davanti alla porta di San Pietro distribuì tutto ciò che aveva ai poveri.
 
Portato dal padre davanti ai Consoli e al vescovo, Francesco si spogliò degli abiti, rinunciando ai beni paterni, indossò una specie di sacco con un foro per passarvi la testa e si dichiarò sposo di Madonna Povertà.
 
Seguito da pochi seguaci, predicò pietà, amore, pace e salvezza per le anime.
 
Morì la notte tra il 3/4 ottobre 1226 e due anni dopo Papa Gregorio IX lo proclamò Santo.
 
Papa Pio XII nel 1939 lo proclamò Patrono d’Italia.
 
San Francesco d’Assisi è il Santo più amato e conosciuto nel mondo.
 
 
 


Sambragiske d’Assise: puvéte d’u Segnòre
 
Kare Sambrangiske, Tu ka sì state
 
‘a krjature nd’a kuje Kriste Segnòre
 
have èsartate ‘a lebertà de Dìje;
 
ka haje uardate ‘n’avete pe fà sì
 
ka u uarde tuje appecciasse lustre
 
de prjèzze, de tatuccèzze, de kujéte
 
dind’u uardà u munne; ka sì state
 
u puvéte d’u Segnòre prukramanne
 
ògnèkkòse d’u krjate kume nustre
 
tatucille è sóre, dacce u kuragge
 
de kunnevide u granne amòre tuje
 
pe ògnèkkòse de stu munne è faje
 
sì ka i manuzzèlle nòstre pòzzene
 
fà resblènne ‘a umanetà nòstre nd’a
 
umanetà de Kuille k’arréte sì jute
 
sènza skunde. Ndreccide prisse u Patre
 
Celèste pekkè remanne sóp’a sta
 
tèrre u sciusce  d’u amòre suje pe fà
 
arrevive è arreturnà bèllassaje
 
tuttekuille ka have krjate è a ce dà
 
‘a furtèzze de vènge nuje stèsse
 
accettanne uffése è gastighe,
 
pe t’arraggiunge nu jurne dind’i
 
vrazze d’u Patatèrne mbaravise!
 
 
 
San Francesco d’Assisi: poeta del Signore
 
Caro San Francesco, Tu che sei stato
 
la creatura in cui Cristo Signore
 
ha esaltato la libertà di Dio;
 
che hai guardato in alto per far sì
 
che il tuo sguardo accendesse luci
 
di gioia, di fraternità, di pace
 
nel guardare il mondo; che sei stato
 
il poeta del Signore proclamando
 
tutte le cose del creato come nostri
 
fratelli e sorelle, dacci il coraggio
 
di condividere il tuo grande amore
 
per tutte le cose di questo mondo e fa
 
sì che le nostre piccole mani possano
 
far risplendere la nostra umanità nella
 
umanità di Colui che hai seguito
 
senza sconti. Intercedi presso il Padre
 
Celeste perché rimandi su questa
 
terra il soffio del suo amore per far
 
rivivere e ritornare bello
 
tutto ciò che ha creato e a concederci
 
la fortezza di vincere noi stessi
 
accettando offese e pene,
 
per raggiungerti un dì nelle
 
braccia del Padreterno in Paradiso!

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic