CULTURA Poesie         Pubblicata il

Il tempo: un giudice saggio, poesia di Pasquale Zolla

condividi




 
 
Gli uomini sono liberi di intraprendere le azioni che vogliono, ma non sono padroni delle conseguenze. Un gesto, una parola o una cattiva azione causano sempre un impatto più o meno percettibile e, anche se non lo pensano, il tempo è un giudice molto saggio. Non dà subito le sue sentenze, ma tende sempre a dare ragione a chi di fatto ce l'ha.
 
Chi è mosso solo da interessi personali non raggiungerà mai l'eccellenza e questa realtà si rivelerà prima o poi nello specchio del tempo. Perché si raccoglie quel che si semina e, anche se si è liberi di compiere le azioni che si desiderano, non si ha il potere sulle conseguenze e, prima o poi, il Tempo ce lo dice.
 
 
 


U timbe: judece sapjènde
 
Bèlle ògnèkkòse have fatte Dìje
 
è 'a kunuscènze d'u timbe prepètuve 
 
misse have dind'u kòre lóre. Ma
 
sòtt'u sóle ò' pòste d'u dritte ce stace
 
'a nekutà è ò' pòste d'a justizje ce stace
 
'a prufanazjòne. È manummale ka stace
 
 u timbe, judece sapjènde, ka judekarrà, 
 
è a l'ucchje d'u munne vedè faciarrà,
 
u juste è u prufanatòre, pekkè sape
 
ka p'ògnèkkòse è p'ògnè azjòne stace
 
nu timbe. Nu timbe pe nasce è vune
 
pe murì; vune pe chjagne è vune 
 
pe rire; vune pe fèste fà è vune 
 
pe patì; vune pe cerkà è vune 
 
pe jettà vìje; vune pe stà citte 
 
è vune pe parlà; vune p'amà è vune 
 
p'udjà; vune p'a uèrre è vune 
 
p'a kujéte; vune pe sunnà è vune 
 
pe rjalezzà. Ce stace pure nu timbe 
 
mbenite, ka éje kuille de ki kambe, 
 
ka nganòsce u timbe suje. Nu timbe 
 
ka se chjame vite. U destine 
 
d'i ummene è kuille d'i vèstje éje 
 
u stèsse; kume mòrene kuèste mòrene
 
kuille: stace sckitte nu sciusce de vite 
 
pe tuttekuande. Nenn'èsiste subrjuretà 
 
de l'òme arrespitte è vèstje, pekkè tutte 
 
éje presunzjòne. Tuttekuande hanna 
 
jì vèrze 'a medèsme abetazjòne: 
 
tuttekuande è venute d'a pòvele 
 
è tuttekuande arretòrne nd'a pòvele!
 
 
Il tempo: giudice saggio
 
Bella ogni cosa ha fatto Dio
 
e la conoscenza dell'eternità
 
ha messo nel loro cuore. Ma
 
sotto il sole al posto del diritto c'è
 
l'iniquità e al posto della giustizia c'è
 
l'empietà.  E meno male che c'è 
 
il tempo, giudice saggio, che giudicherà,
 
e agli occhi del  mondo mostrerà , 
 
il giusto e l'empio, perché sa 
 
che per ogni cosa e per ogni azione c'è 
 
un tempo. Un tempo per nascere e uno 
 
per morire; uno per piangere e uno
 
per ridere; uno per gioire e uno 
 
per soffrire; uno per cercare e uno 
 
per buttare via; uno per tacere 
 
e uno per parlare; uno per amare e uno 
 
per odiare; uno per la guerra e uno 
 
per la pace; uno per sognare e uno 
 
per realizzare. C'è anche un tempo 
 
infinito, che è quello di chi vive, 
 
che non conosce il suo tempo. Un tempo
 
che si chiama vita. Il destino 
 
degli uomini e quello delle bestie è 
 
lo stesso; come muoiono queste muoiono quelli: 
c'è solo un soffio vitale 
 
per tutti. Non esiste superiorità 
 
dell'uomo rispetto alle bestie, perché tutto 
 
è vanità. Tutti devono 
 
andare verso la medesima dimora: 
 
tutto è venuto dalla polvere
 
e tutto ritorna nella polvere!
 
 
 
 

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic