CULTURA Poesie         Pubblicata il

'A fine d'a bèlla stagiòne‘, poesia di Pasquale Zolla

condividi




L'estate sta finendo  
 
Lo dice il grigio della sera e lo sussurra il vento del mattino carico di umidità e di profumo muschiato
 
L'estate sta finendo e con essa si fa largo una briciola di malinconia: quella del sole che non pizzica più sulla pelle e delle passeggiate lungo le assolate spiagge di Campomarino Lido.  
 
La fine dell'estate è l'inizio di una nuova stagione che ci porta a guardare al futuro.  
 


'A fine d'a bèlla stagiòne
 
Nd'u punje d'a mana mìje strènge
 
'a utema réne de sti spònne d'u mare
 
Adrjateke  sóp'ò' fernì d'a bèlla stagiòne.
 
U juke de savezèdene arramaje
 
s'akkòrce, arrumane sckitte
 
nu kulurate secchjetille lassate
 
sóp'a vattìje tra sicce è aleghe.
 
Llòrge de réne 'a mana mìje
 
jummarèlle lènde nd'i spazje
 
d'i déte sóp'ò parme live
 
de muréje pòvele lustrassaje,
 
fòrze 'na mammòrje uteme,
 
'na rikkassaje ciambe ò' jì
 
ngunzapèvule d'a vita mìje!
 
La fine dell'estate
 
Nel pugno della mia mano stringo
 
l'ultima sabbia di queste rive del mare
 
Adriatico sul finire dell'estate.
 
Il gioco salmastro ormai
 
si rimpicciolisce, resta solo
 
un colorato secchiello lasciato
 
sulla battigia tra seppie e alghe.
 
Clessidra la mia mano
 
rii lenti tra gli spazi
 
delle dita sul palmo lieve
 
d'ombra polvere lucente,
 
forse un ultimo ricordo,
 
una preziosa traccia al fluire
 
inconscio della mia vita!

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic