NEWS ON LINE Città         Pubblicata il

Fallita dopo dopo 133 anni la Gazzetta del Mezzogiorno

condividi




LUCERA-La notizia era attesa  ma speravi  non sarebbe mai arrivata. Invece, il 31 luglio La Gazzetta del Mezzogiorno, è stata in edicola per l'ultima volta. Un epilogo triste per uno dei quotidiani più antichi del Paese, fondato nel 1887 una delle poche voci nella depressa  landa del Mezzogiorno.
Per una regione che conta oltre 4 milioni di persone è uno schiaffo in piena faccia alla presunta imprenditoria pugliese. C'è stato Internet che ha affossato molti giornali, è vero, ma non è la sola causa che ha portato alla chiusura dell'ex Corriere delle Puglie-questo il nome in origine-, ve  ne sono state altre, altrettanto gravi.
A cominciare dalle consueguenze di Mani pulite. Gazzetta del Mezzogiorno significava anche,se non sopratutto,caposaldo dell'ex Democrazia cristiana,il partito di Aldo Moro,nato a Maglie e di Vito Lattanzio ,come di  tantissimi altri..La liquidazione delle sezioni del partito dell'ex Balena bianca ha inferto un primo durissimo colpo alle casse della Gazzetta,in termini di pacchetti di abbonamenti persi improvvisamente,oltre al calo delle vendite e all'incidenza di peso politico.
C'era stata,prima,la felice stagione della direzione affidata a Giuseppe Giacovazzo. Una ventata d'entusiasmo,di aria nuova.Un giornale più aperto,graficamente meglio leggibile,insomma un crogiuolo di progetti e di sogni. Come quelli di tantissimi giovani che in quegli anni,animati dalla passionaccia ,cominciavano a frequentare-quasi tutti abusivi- le redazioni del Giornale.
 E' in quel periodo,che al quarto piano del Palazzo dell'Acquedotto, in via Scillitani, dove aveva sede la redazione della Gazzetta-all'epoca capo redattore il dottor Anacleto Lupo,abitava qui ed aveva sposato a una lucerina-, si affacciavano giovani e anche ragazze animati dal sacro fuoco del giornalismo.In breve quel manipolo di entusiasti,affidati alle cure di un autentico maestro di Giornalismo il lucerino,Lello Vecchiarino,divenne una palestra ....Chi scrive, innazitutto, e poi Anna, Ernesto,Geppe, Massimo,Gianni, e poi Filippo, Alfredo, Antonio...Su tutti, vigilava un altro nobile cronista che rispondeva al nome di Giovanni Spinelli. Un Galantuomo La stagione della Redazione foggiana fu entusiasmante.In quegli anni la provincia di Foggia riusciva ad avere anche sei pagine di notizie.Uno sforzo enorme reso lieve dal vento di speranze e di cambiamenti che viveva la Gazzetta del Mezzogiorno.
La bella stagione, purtroppo non durò a lungo e grosse nubi cominciavano ad oscurare quegli orizzonti di gloria. Dopo il periodo di Mani pulite, s'intravedeva in lontananza la  sagoma minacciosa della CONCORRENZA.
Ed è qui che cascò l'asino. A mio immodesto avviso.Avendo sempre rifiutato di avere una  politica netta- o di qua o di là-, la proprietà del Giornale ha sempre preferito una linea ondivaga, che alla lunga non ha pagato.A differenza di altri giornali italiani, più chiari e determinati nelle scelte sui grandi temi nazionali e non solo.
Lo sbarco a Bari de la Repubblica e del Corriere del Mezzogiorno doveva suonare come e più di un campanello d'allarme nelle stanze della Gazzetta, che, al contrario, con inusitata spocchia, non se ne dette per inteso Nemmeno con la Direzione di Giuseppe Gorjux,pure lui da giovane ha studiato al Convitto R.Bonghi.Intanto c'era stato il cambio di proprietà,con l'avvento dell'editore siciliano Sanfilippo,senza che nulla di sostanziale cambiasse nel Giornale. Anzi, le cose  andarono peggiorando. Il tracollo avvenne qualche anno fa,con l'arresto- poi prosciolto- di Sanfilippo e il sequestro di tutti i suoi beni Gazzetta compresa.Il resto è cronaca giudiziaria. Il Giornale, oberato dai debiti e affidato alla curatela fallimentare ha vissuto gli ultimi convulsi anni, fra sgomento e immobilismo.
Adesso, si spera che i fratelli Ladisa riescano ad ottenere dal Tribunale la gestione la Gazzetta, per farla ripartire. E' un giorno triste per il giornalismo. Auguri di cuore, caro, vecchio, vituperato giornalaccio.
 
Gianfranco Sammartino

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic