CULTURA Poesie         Pubblicata il

La realtà del nostro ex Bel Paese ai giorni della pandemia. Nota e poesia sulla pandemia da Pasquale Zolla

condividi


Giorno per giorno  continuiamo a barcamenarci in un sistema strozzato da una burocrazia bifronte, al servizio, cioè, di centri di potere più o meno noti che si guardano in cagnesco ma che poi sistemano i loro affari nello stesso modo, imbrogliando quelli che ne rimangono fuori.
A che serve dire che “La Legge è uguale per tutti” se non tutti riescono a raggiungerla? Il paradosso della nostra burocrazia è che gli evasori veri hanno sempre carte e bilanci a posto, e i pensionati e i lavoratori dipendenti pagano le tasse, sopportando il peso di una fatica neppure capita, ma anzi vessata dai soloni che credono più importanti le carte dei fatti.

Non parliamo dei tanti commercianti furbi: non importa ciò che vendono, l’importante è guadagnare  il più possibile a qualsiasi costo per poi vivere di rendita.
È questo che vuol dire “democrazia?” No, Signori!
La Democrazia è una cosa molto delicata. Funziona se ci credono tutti. La burocrazia è anch’essa necessaria, ma funziona se è agile e se è gestita da uomini incorruttibili. E a quanto pare, anche in tempo di pandemia, dove gli indigenti aumentano a dismisura giorno dopo giorno, si legge e vede in tivù di continui “arruffamenti” anche per prodotti (mascherine, vaccini…) da mettere a disposizione della gente e degli ospedali.
Non sono cose pensate da me, ma sono scritte su giornali e mostrate nelle tivù in ogni momento delle nostre giornate, trascorse in casa per difenderci da questo malefico virus che continua a mietere vittime.

La situazione non è facile da controllare e regolamentare. Il virus viaggia ad una velocità sorprendete. È prolifico, si moltiplica in innumerevoli fonti di contagio. Se vogliamo porre un freno efficace al propagarsi dell’epidemia, occorre la volontà di tutti a riconsiderare la necessità dei sacrifici richiesti in funzione della tutela della salute di ciascuno e della collettività. Solo con il sacrificio e non con le continue chiacchiere inutili dei politici e dei burocrati potremo un giorno, che mi auguro sia al più presto, tornare alla normalità.

A ndò tanda galle kandene…
Demukrazìje è burukrazìje sònne
da sèmbe mbunènde kungègne ka
sprèmene ò chjù ne mbòzze u sudòre
a bune merkate d’i fategature
è d’i penzjunate. Frèmmene i perzune
è i kòse da ‘na vite krjative è sònne
kundrarje a tutte i kòse de kuje se
ukkupéje ‘a vite. Kunnukune i ‘ffare
è i lègge d’u State nd’a chjù brutte pussible
manére è nd’u chjù lunghe timbe pussible.
Kuiste pekkè ce stanne tròppe galle
ka kandene è, resapute éje, k’allà
jurne ne nface maje è póje maje.
Ve site maje addummannate kuanda
buròkrete ce vònne pe ‘na lambadine
kagnà? Vune p’a lambadine  nduedà
arze, vune p’a rekusezjòne akkurdà,
dudece p’a rekusezjòne regestrà,
vune p’u òrdene d’a rekusezjòne
kunzegnà ò’ ‘ffice  de kumbrà, vune
p’a urdenazjòne fà, vune p’avè
‘a lambadine. È u stèsse succiudéje
p’i puliteke pe kumbelà ‘na lègge.
Puliteke è buròkrete assaje sònne
akkume è ranille de réne avvecine
ò’ mare. K’a deffrènze k’a réne nen
pighje mòmmabbìje è benefice. Ògge
‘a demukrazìje nu regime éje sènza
rè, mbestate da nu munne de rè;
‘a burukrazìje fatte éje da nu mbenite
nummere  de perzune sóp’a pultrune
assettate; ‘a ‘restukrazìje da pupazze
ka ‘mmetà se vularrìje è u pòple avete
nenn’éje ka ‘na  lònga kòde a nu spurtille.

Dove tanti galli cantano…
Democrazia e burocrazia sono
da sempre dei giganteschi meccanismi che
sfruttano al massimo il sudore
a buon mercato dei lavoratori
e dei pensionati. Fermano le persone
e le cose da una vita creativa e sono
contro tutte le cose di cui si
occupa la vita. Conducono gli affari
e le leggi dello Stato nella peggior possibile
maniera e nel più lungo tempo possibile.
Questo perché ci sono troppi galli
che cantano e, risaputo è, che lì
giorno non fa mai.
Vi siete mai chiesto quanti
burocrati occorrono per una lampadina
cambiare? Uno per individuare la lampadina
bruciata, uno per autorizzarne la requisizione,
dodici per archiviare la requisizione,
uno per l’ordine della requisizione
consegnare all’ufficio di acquisto, uno
per eseguire l’ordinazione, uno per ricevere
la lampadina. E lo stesso avviene
per i politici nello stilare una legge.
Politici e burocrati sono numerosi
come i granelli di sabbia in riva
al mare. Con la differenza che la sabbia non prende quattrini e privilegi.

Oggi la democrazia è un regime senza
re, infestato da molti re;
la burocrazia è fatta da un infinito
numero di persone su poltrone
sedute; l’aristocrazia da idoli
che si vorrebbero imitare e il popolo altro
non è che una lunga coda davanti ad uno sportello.

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic