CULTURA Poesie         Pubblicata il

San Valentino: nota e poesia sulla festa degli innamorati da Pasquale Zolla

condividi


San Valentino  
 
La tradizione di San Valentino quale protettore degli innamorati risale all'epoca romana, nel 496 d. C., quando l’allora papa Gelasio I volle porre fine ai lupercalia, gli antichi riti pagani dedicati al dio della fertilità Luperco, che si celebravano il 15 febbraio e prevedevano festeggiamenti sfrenati ed erano apertamente in contrasto con la morale e l'idea di amore dei cristiani.
 
In realtà il merito moderno di aver consacrato San Valentino come santo patrono dell'amore è da ascrivere a Geoffrey Chaucer, l'autore dei Racconti di Canterbury che alla fine del '300 scrisse - in onore delle nozze tra Riccardo II e Anna di Boemia - The Parliament of Fowls, (Il Parlamento degli Uccelli) un poema in 700 versi che associa Cupido a San Valentino. Che così divenne il tramite ultraterreno della dimensione dell'Amore cortese.
 


‘Na puvesìje d’ammòre ‘a rerute éje
 
Si pussibele m’éje rire ke tè,
 
de tè, pe tè tanne mbussibele
 
m’éje nen t’amà. Arrjaleme
 
‘a mèghja reruta tuje mò è sèmbe
 
è t’arreservarraghje ‘a kumblecetà
 
mìje, ‘a mìje ljaltà, u respitte mìje,
 
‘a kumbrenzjòna mìje, u mìje sustègne,
 
u mestére mìje, u mìje mbègne,
 
‘a mìje nderèzze, ‘a gròrja mìje,
 
a féde mìje, ‘a mìje magagìje,
 
u mìje luke sekréte, u mìje ndusjasme,
 
‘a passjòna mìje, u kuragge mìje,
 
‘a mìje ‘nergìje. Te ‘mmetarraghje
 
ò’ kuspitte de l’alma mìje è t’arrevelarraghje
 
i maravighje allà tenute ammucciate.
 
Tu damme kuèlla rerute ka nze chjude
 
dind’u timbe, ka rire face pure
 
u kòre mìje e ce farrà assemeghjà
 
a dóje arpe k’u stèsse djapasònne
 
prònde a kunfònne i vuce nòstre
 
dinda ‘na dòciassaje armunìje.
 
‘A rerute éje state, éje è sarrà
 
sèmbe ‘a puvesìje  d’u ammòre nustre.
 
 
 
Il sorriso è una poesia d’amore  
 
Se mi è possibile ridere con te,
 
di te e per te allora impossibile
 
mi è non amarti. Offrimi
 
il tuo miglior sorriso ora e sempre
 
e ti riserverò la complicità
 
mia, la mia lealtà, il mio rispetto,
 
la mia comprensione, il mio sostegno,
 
il mio mistero, il mio impegno,
 
la mia integrità, la mia gloria,
 
la mia fede, la mia magia,
 
il mio rifugio, il mio entusiasmo,
 
la mia passione, il mio coraggio,
 
la mia energia. Ti inviterò
 
al cospetto della mia anima e ti rivelerò
 
le meraviglie là nascoste.
 
Tu dammi quel sorriso che non si chiude
 
nel tempo, che ridere fa anche
 
il mio cuore e ci farà sembrare 
 
due arpe con lo stesso diapason
 
pronte a confondere le nostre voci
 
in una divina armonia.
 
Il sorriso è stato, è e sarà
 
sempre la poesia del nostro amore.
 
 

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic