CULTURA Poesie         Pubblicata il

La Befana. Nota e poesia sulla Befana da Pasquale Zolla

condividi


La Befana, personaggio amato dai più piccoli e tradizionalmente associato ad una vecchina, con scarpe rotte e abiti vecchi, che giunge nelle case dei bimbi a cavallo di una scopa, per lasciare in dono una calza piena di regali, dolci o carbone.
Per i cristiani, invece, è la festa della rivelazione del figlio di Dio all’umanità che, il 6 gennaio, ricorda la visita dei Re Magi che portarono dei doni a Gesù, giungendo a Betlemme seguendo una stella.
Ma sulla Befana c’è da dire che già nel Neolitico  si venerava una divinità femminile che si materializzava durante il periodo invernale per scacciare via le intemperie, propiziando il ritorno della primavera e il raccolto dell’anno successivo. In seguito si diffusero i riti legati al mondo contadino e alla fertilità dei campi, dove la donna divenne l’emblema di Madre Terra: una volta benigna e generosa, un’altra crudele e vendicativa.
Tra le antesignane della Befana ci sarebbe Diana, la dea romana della caccia, della vegetazione e della luna, nonché le divinità minori Satia e Abundia, rispettivamente simbolo della sazietà e dell’abbondanza.
Altre precorritrici sono Holda e Perchta, streghe notturne della mitologia nordica e, infine, Erodiade, la principessa ebraica.

Kara Befane
Kara Befane, da bòmmine me decèvene
ka tu jenghive i kavezètte de lane
attakate è cemenére de rikke rjale
p’i bòmmine bune. Ìje ne ngréde  d’èsse
state sèmbe malamènde pekkè nu rjale
maje me l’haje purtate. Fòrze pekkè
ngasa mìje ne nz’ausave attakkà
‘a kavezètte avvecine a’ cemenére
p’a fèsta tuje. Ma tu, viste k’ascennive
p’i cemenére, nu pikkule rjale m’u putive
lassà sóp’ò lettecille mìje. ‘A matine,
kuanne annanze a’ pòrte de kase ascéve,
‘a nepòte de dòn Pèppe vedéve ke bèlle
bammulètte è karamèlle è mammeme
me decéve: “Kare fighje ‘a Befane éje
‘na vecchjarèlle pulite vispe è peccenènne,
ke skarpe sfasciate è vestite vècchje, k’arrive
nd’i kase d’i bòmmine a kavalle de ‘na skòpe,
pe lassà ‘ndune ‘na kavezètte de rjale chjéne,
de dòrce ò karavòne. Da kasa nòstre nenn’éje
passate pekkè bune fòrze tu ne nzì state.”
È ìje penzave: “Ka kòsa strambalate!
Si malamènde sònghe state arméne nu pòke
de karavòne arméne me putéve lassà
p’i manuzèlle putèreme ngavedà!” Mò, pèrò,
da vecchjarille nu rjale te vòghje addummannà,
viste ka haje nu kòre jendile da bòmmine
è ki sònne premjìje, è ìje me sènde è sònne
angòre kume a nu bòmmine: “Purte ndune
ò’ munne ndére ‘a speranze de nu kambà
seréne, peghjanne a skupate u malèfeke
virusse ka semenéje dappettutte delòre
è mòrte. Grazje, kara Befane pe kuille
ka putarraje fà p’a umanetà sarvà!”

Cara Befana
Cara Befana, da bambino mi dicevano
che tu riempivi le calze di lana
attaccate ai camini di ricchi doni
per i bimbi buoni. Io non credo di essere
stato sempre cattivo perché un dono
mai me l’hai portato. Forse perché
in casa mia non si usava attaccare
la calza al camino
per la tua festa. Ma tu, visto che ti calavi
per i camini, un piccolo regalo me lo potevi
lasciare sul mio lettino. Il mattino,
quando uscivo fuori di casa,
vedevo la nipote di don Peppe con belle
bambole e caramelle e mia madre
mi diceva: “Caro figlio la Befana è
una vecchietta linda arzilla e piccoletta,
con scarpe rotte e abiti vecchi, che giunge
nelle case dei bimbi a cavallo di una scopa,
per lasciare in dono una calza piena di regali,
di dolci o carbone. Da casa nostra non è
passata perché buono forse tu non sei stato.”
E io pensavo: “Che strano!
Se cattivo sono stato almeno un poco
di carbone mi poteva lasciare
per riscaldarmi le manine!” Oggi, però,
da vecchio un dono ti voglio chiedere,
visto che hai un cuore gentile da bimba
e premi chi sogna, e io mi sento e sogno
ancora come un bambino: “Porta in dono
al mondo intero la speranza di una vita
serena, prendendo a scopate il malefico
virus che semina ovunque dolore
e morte. Grazie cara Befana per quello
che fare potrai per l’umanità salvare!”

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic