CULTURA Poesie         Pubblicata il

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Commento e poesia di Pasquale Zolla

condividi


Il 25 novembre è la Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne; una giornata tutta dedicata al maltrattamento fisico e psicologico che molte donne nel mondo subiscono. Dalle minacce e attacchi verbali alle aggressioni fisiche, dallo stalking allo stupro, la violenza sulle donne ha migliaia di forme e sfaccettature, in un abisso di buio in cui nessuna donna dovrebbe mai finire.
La Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne è un atto di accusa della società nei confronti di un fenomeno in crescita. Troppe sono le donne che ancora oggi subiscono violenze fisiche, psicologiche, ma anche economiche. Il 25 Novembre dovrebbe essere ricordato tutti i giorni dell’anno come monito contro la violenza di ogni tipo.
Istituita dall’Onu con la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999, porta tutti noi a riflettere su un dramma che ci riguarda più vicino di quanto si pensi. In essa si parla di violenza contro le donne come di “uno dei meccanismi sociali cruciali per mezzo dei quali le donne sono costrette in una posizione subordinata rispetto agli uomini”.
E questa risoluzione significa che è la cultura che deve cambiare: le credenza, la storia e il comportamento che stanno alla base della cultura. Mettere fine alla violenza contro le donne non è una forma di altruismo o qualcosa che si fa come atto caritatevole. Non è neppure qualcosa che si possa stabilire per legge, anche se le leggi contribuiscono a proteggere le donne.

‘A fèmmene è nate p’èsse amate
‘A vjulènze sóp’è fèmmene éje
andike akkum’ò munne, ma ògge
sperà vulute avarrìje ka ‘na sucetà
‘nnuvatrice, cevile è demukrateke
nen dèsse da magnà i kròneke de abbuse,
‘mmecidje, vjulènze è brutalizze.
‘A vjulènze destrude tuttekuille ka vóle
addefènne: ‘a degnetà, ‘a lebertà
è u kambà d’a gènde è léve a’ fèmmene
‘a pussebeletà de skrive sóp’a nu pizze
de karta janghe u ‘vvenì ka predeligge.
‘A fèmmene asciute éje d’ò kustate
de l’òme, nò d’è pite p’èsse kaveciate,
nè d’a kape p’èsse òdesópe, ma de late
p’èsse ùuàle. Kuanne ‘a se vjulènde,
vatte, struppjéje, terrurrizze, se strude
‘a ‘nergìje ‘ssenzjale d’u kambà
sóp’a stu chjanéte. Se furzéje kuande
nate éje p’èsse arrapirte, feduciuse,
kaluruse, krjative è vive a èsse
chjekate, sikke è ammajestrate.
Ògnè vóte ka l’òme pighje d’ò kurje
de ’na fèmmene sènz’u premmisse suje,
manghe de respitte  ò’ utre da andò éje
nate, mbèste u luke ka l’have prutètte
kuann’éve chjù ndefése, dessakréje
u timbje da andò ‘nezjate have u vjagge.
U kelóre d’u ammòre rusce passjòne éje,
nò vjulètte gumbjate è ‘a fèmmene éje
nate p’èsse sèmbe è sckitte prutètte è amate!

La donna è nata per essere amata
La violenza sulle donne è
antica come il mondo, ma oggi
avrei voluto sperare che una società
avanzata, civile e democratica
non nutrisse le cronache di abusi,
omicidi, violenze e stupri.
La violenza distrugge tutto ciò che vuole
difendere: la dignità, la libertà
e la vita delle persone e toglie alla donna
la possibilità di scrivere su di un foglio
bianco il futuro che preferisce.
La donna  è uscita dalla costola
dell’uomo, non dai piedi per essere pestata,
né dalla testa per essere superiore, ma dal fianco
per essere eguale. Quando la si violenta,
picchia, storpia, terrorizza, si distrugge
l’energia essenziale della vita
su questo pianeta. Si forza quanto
è nato per essere aperto, fiducioso,
caloroso, creativo e vivo ad essere
piegato, sterile, e domato.
Ogni qualvolta l’uomo prende dal corpo
di una donna senza il suo permesso,
manca di rispetto all’utero da cui è
nato, contamina il luogo che l’ha protetto
quando era più indifeso, profana
il tempio da cui ha iniziato il viaggio.
Il colore dell’amore è rosso passione,
non viola tumefatto e la donna è
nata per essere sempre e solo protetta e amata!

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic