NEWS ON LINE Spazio aperto         Pubblicata il

Non sono medici ma angeli, mi hanno salvato la vita

condividi


Un paziente di Lucera esalta l'operato dell'equipe della clinica urologica del Policlinico Riuniti di Foggia

 

«NON sono medici ma angeli. È il minimo che io possa dire per chi mi ha letteralmente salvato la vita».

Una dichiarazione di apprezzamento, pronunciata con evidente commozione, quella di Michele Checchia (foto 1), 48 anni, Assistente Capo della Polizia Penitenziaria di Lucera. “... e questa volta è così. Ho subito un delicato intervento chirurgico di tumorectomia e ho posto la mia vita nelle mani d'oro del prof. Carrieri e della sua equipe che hanno impedito conseguenze serie che avrebbero segnato definitivamente la mia esistenza. La mia riconoscenza è infinita, caro Prof.  Giuseppe Carrieri (foto 2), lei è il mio angelo!

Un ringraziamento va pure al personale infermieristico dell’urologia dell’Ospedale Riuniti di Foggia, pieno di umanità e amore per il lavoro che svolge”.

 

Il fatto è, conclude Michele Checchia, che, soprattutto nella sanità, ad emergere sono sempre le negatività mentre le cose positive rimangono il più delle volte sotto traccia: Questo però non va bene ed è per questo che ho ritenuto doveroso ringraziare pubblicamente, tramite il Quotidiano Lucerabynight  Carrieri e i suoi collaboratori i quali, con la loro opera, mi hanno ridato la vita.

La Redazione 

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic