NEWS ON LINE Salute e benessere         Pubblicata il

Caratteristiche e proprieta’ nutrizionali dei mirtilli, a cura del dott. Nicola Barbaro

condividi




I mirtilli, nello specifico i mirtilli neri, sono frutti appartenenti alla famiglia delle Ericacee. Sono originari dell’Asia e dell’Europa, e sono diffusi soprattutto nelle regioni settentrionali dei due continenti caratterizzate da climi continentali freddi. Dal punto di vista nutrizionale i mirtilli rappresentano un alimento dalle eccellenti proprietà nutrizionali.100 g di mirtillo hanno un bassissimo apporto calorico, pari a 50 kcal, basso indice glicemico, basso contenuto in carboidrati e proteine, un eccellente quantitativo in fibre e un ridottissimo contenuto in lipidi, soprattutto omega-3 e omega-6 e possono essere consumati da chi segue una dieta ipocalorica e ipoglicemica e non presentano particolari controindicazioni.

Come tutti i frutti estivi, hanno un’importante quantitativo in acqua pari all’84 del loro peso, un alto quantitativo in vitamina C e vitamina K e un discreto quantitativo in minerali quali ferro e potassio. Il sapore dei mirtilli è dato dalla presenza di acidi organici quali malico, ossalico e citrico assieme ad altri composti volatili, che conferiscono l’aroma al mirtillo. Sono ricchissimi in polifenoli soprattutto flavonoidi e antocianine. Nel corso della maturazione aumentano notevolmente le antocianine, in particolar modo la delfinidina e la malvidina che conferiscono il tipico colore rosso, blu o porpora ai mirtilli, e l’acido clorogenico, presente anche nel tè verde, che esalta l’intensità dei colori dei mirtilli. I polifenoli si accumulano soprattutto nella buccia e solo in minima parte nei semi e nella polpa.I mirtilli possiedono numerose proprietà benefiche. Un consumo regolare di mirtilli migliora la funzionalità del sistema cardiovascolare, aumentando il tono e l’elasticità dei vasi sanguigni e migliorano la circolazione a livello delle gambe, prevenendo l’insorgenza delle vene varicose e di altre problematiche a livello circolatorio, ha effetto antiossidante nei confronti degli occhi, prevenendo processi degenerativi a carico della retina e delle cellule, riduce la pressione arteriosa, svolge azione protettiva per la vescica impedendo l’insorgenza di infezioni a carico delle vie urinarie quali cistite, infezioni batteriche, riduce il colesterolo LDL, con conseguente riduzione del rischio cardiovascolare in soggetti sovrappeso e obesi migliora la glicemia, aumentando la sensibilità all’insulina.

I mirtilli hanno proprietà antinfiammatorie, riducendo in modo significativo la concentrazione di radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. Inoltre migliorano la salute e il funzionamento del cervello, ritardando gli effetti del degrado cognitivo, in modo da prevenenire l’insorgenza di patologie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.
I mirtilli possono essere consumati da tutti. Tuttavia, il mirtillo, non può essere consumato da chi assume farmaci anticoagulanti e in caso di carenze da ferro. Poiché la maggior parte dei mirtilli sono coltivati, possono presentare sulla buccia molti componenti chimici, è importante lavarli prima di consumarli,con acqua e bicarbonato
I mirtilli possono essere consumati sia freschi scegliendo quelli aventi buccia liscia e uniforme che surgelati. Sono un alimento molto deperibile e vanno conservati in frigo, senza lavarli, per qualche giorno, avendo cura di eliminare i frutti danneggiati in quanto possono rovinare gli altri. Inoltre possono essere congelati, dopo averli lavati e asciugati. Il congelamento porta a un’alterazione del loro gusto e consistenza, senza tuttavia incidere in modo notevole sul quantitativo di nutrienti. I mirtilli freschi possono essere consumati da soli o con altri frutti o in aggiunta a yogurt, cereali o crepes a colazione, succhi ed estratti e in numerose preparazioni dolciarie come muffin, torte, crostate, gelatine, confetture. Oltre al mirtillo nero, esistono altre varietà presenti in commercio quali il mirtillo rosso, caratterizzate da bacche dal colore rosso intenso, dal sapore acidulo, il mirtillo blu che ha un gusto neutro e il mirtillo americano o blueberry, che viene coltivato in luoghi dai forti sbalzi climatici e ha importanti rese e un sapore zuccherino.

PER INFO E PRENOTAZIONI CONTATTARMI TELEFONICAMENTE AL 3888562511 O SU WHATSAPP O CLICCANDO SU “PRENOTA SUBITO” ALLA PAGINA FB Dott. Nicola Barbaro Biologo Nutrizionista

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic