CULTURA Poesie         Pubblicata il

Nota e poesia su ciò che c'è dentro e fuori di noi da Pasquale Zolla

condividi




Fuori e dentro di noi
Spesso si sente dire: “Sono una persona tutta d’un pezzo!”, perché ciò che abbiamo e viviamo dentro lo esprimiamo al di fuori di noi nella quotidianità e nei luoghi che frequentiamo. Ma a volte la nostra percezione di quanto accade in noi e attorno a noi non coincide esattamente con quanto succede davvero, come accade quando si viaggia su di un treno e di fianco ci sia un altro treno.
La sensazione che proviamo è che sia il nostro treno a spostarsi o viceversa. Il che porta una certa confusione nella nostra mente. Confusione che porta a chiedersi: “C’è una relazione tra ciò che accade dentro di noi e ciò che accade fuori di noi?”
La relazione sta nelle azioni che compiamo che fa manifestare ciò che abbiamo dentro, nel bene e nel male.
Un esempio pratico: Se siamo impegnati in un lavoro e vediamo qualcuno in difficoltà o pericolo e lasciamo il lavoro per aiutarlo, quello che c’è dentro di noi (la priorità data alla persona) esce fuori con un gesto di vicinanza. E questa è una connessione imprenscindile tra il nostro mondo interiore e la manifestazione di noi stessi che ci fa dire: “Sono una persona tutta d’un pezzo!”

D’u kambà arrumane kuille ka facime
U penzire sèmbe ò’ ‘vvenì uarde
è se prukkupéje pe kòse ka ‘mmagene
k’avvènene è spisse nen’avvènene;
‘a semeletutene sèmbe cèrke
ke kuille ka éje state; spulvuréje
u jìre ò u ‘vvenì ‘mmagenéje
pe mètte ‘mmòstre deffekurtà. Ce face
vedè ‘a rjartà akkum’a ‘na ‘mmenzjòne,
u kambà nu kupjòne, u ammòre
nò a ‘na stòrje ma nu state d’alme,
‘a bellèzze ke kuille ka vedè se vóle.
U resvèghje véne kuanne s’akkuminge
a kunne rènnece d’i penzire nustre
ka spazje dinde de nuje fanne
è cittecitte arrumanene pe kumberì
‘a mbrònde ò’ prujètte de kambà
ka nazzekame dinde de nuje è de kuje
kuragge ne ndenime d’atte peghjà.
Ka fà? Allóre necessarje éje
nen arrumanè kum’a pale, ma kambà
jurne dòppe jurne kuande chjù putime,
prjèzze fà kuanne tutte assemèghje
jì sturte, fernèsce d’u avvenì dà
pe skundate è u presènde apprezzà
sóp’a kuille ka u jìre ci’have nzengate.
Pekkè d’u kambà nustre arrumane
sckitte kuille ka téne nu valóre
vetale funnamendale: kuille ka de bune
ò de male facime è a l’avete arrumanime
ka kume a petrune sònne pe kuille
ka dòppe de nuje vènene. U signe éje
de kuille ka lassame è nò u penzire
ka se sfeljéje sènza fatike pekkè
k’u timbe pèrde dròmme è kunzestènze.
 
Della vita resta ciò che facciamo
La mente guarda sempre al futuro
e si preoccupa per cose che immagina
che accadano e che spesso non accadono;
cerca sempre la comparazione
con ciò che è stato; setaccia
il passato o il futuro immaginario
per evidenziare difficoltà. Ci fa
vedere la realtà come un’invenzione,
la vita un copione, l’amore
non una storia ma uno stato d’animo,
la bellezza con ciò che si vuol vedere.
Il risveglio arriva quando si inizia
a renderci conto dei nostri pensieri
che fanno spazio interiore
e restano in silenzio per conferire
l’impronta al progetto di vita
che culliamo dentro di noi e di cui
non abbiamo coraggio di prendere atto.
Cosa fare? Allora è necessario
non restare inattivi, ma vivere
ogni giorno al massimo,
gioire quanto tutto sembra
andare storto, smettere di dare il futuro
per scontato e apprezzare il presente
sulla base che il passato ci ha insegnato.
Perché della nostra vita rimane
solo ciò che ha un valore
vitale fondamentale: ciò che di buono
o di male facciamo e agli altri lasciamo
che come rocce sono per coloro
che verranno dopo di noi. È il segno
di ciò che si lascia e non la mente
che si disfa senza sforzo perché
col tempo perde forma e consistenza.

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic