CULTURA Poesie         Pubblicata il

Primo Maggio: Nota e Poesia di Pasquale Zolla

condividi




Primo Maggio: Festa del lavoro 
Ogni anno, il 1 maggio in molti Paesi del mondo viene celebrata la Festa del lavoro per ricordare l’impegno del movimento sindacale e i traguardi raggiunti dai lavoratori in campo economico e sociale. 
Buon 1 Maggio ricordando, ai governanti del mondo intero, che il lavoro è l’unico strumento che dona una vita meravigliosa e procura soddisfazioni, beni e il pane più saporito su questa terra.
 

1° Magge: jurne d’a Degnetà 
U Prime Magge nenn’éje ‘na rekurrènze 
kualunghe: éje u jurne d’a Degnetà 
è ògnè òme u deritte téne d’u festjà 
k’i pròbete mane ka prufumèjene 
de lavure, de fatike ma pure de prjèzze 
è sutesfanzjòne. Ògge, puttròppe, festjà 
u lavure éje kume festjà u kumbljanne 
d’a pròbete uaghjòne ‘mmagenarje, pekkè 
i ‘mmetate sèmbe méne sònne. Se parle 
sèmbe de deritte, ùuàghjanze, cevertà, 
respunzabeletà, respitte, resestènze, 
tutéle. Ma sònne sckitte paróle ka 
nen jènghene i mane d’u òme de fatike, 
ma de speranze ka ngile stanne. Kuanne 
ne nze fatike è se vularrìje è avarrìje 
fatekà, pure ‘a fèste se ndrestisce. Prevà 
‘na perzòne d’u lavóre segnefekéje 
u prevà pure d’a prjèzze d’a fèste. Tròppe 
lavurature hanne pèrze nda sti anne 
defficele u lóre Prime Magge è u virusse 
ka dètte lègge menacciuse sóp’ò munne 
ce stace purtanne vèrze u funne de ‘na 
desukkupazjòne de prupurzjune sènza fine. 
Facime, kare puletekande de tutte u munne, 
ka stu Prime Magge sìje nu mumènde 
de penzaminde sèrje sóp’a représe 
d’u lavóre pekkè isse arrappresènde 
‘a jenìje ndére, ‘a krjatevetà, ‘a ndellegènze, 
u sapè fà d’ògnè fèmmene è d’ògnè 
òme. Isse pe l’òme éje kuille ka u sóle 
è l’akkue sònne p’i chjande: vite, degnetà, justizje!
 
1° Maggio: giornata della Dignità 
Il 1° Maggio non è una ricorrenza 
qualunque: è la giornata della Dignità 
e ogni uomo ha il diritto di festeggiarla 
con le mani che profumano 
di lavoro, di fatica ma anche di gioia 
e soddisfazione. Oggi, purtroppo, festeggiare 
il lavoro è come festeggiare il compleanno 
della propria ragazza immaginaria, perché 
gli invitati sono sempre meno. Si parla 
di diritti, uguaglianza, civiltà, 
responsabilità, rispetto, resistenza, 
tutela. Ma sono solo parole che 
non riempiono le mani dell’uomo di lavoro, 
ma di vane speranze. Quando 
non si lavora e si vorrebbe e dovrebbe 
lavorare, si intristisce anche la festa. Privare 
una persona del lavoro significa 
privarlo anche della gioia della festa. Troppi 
lavoratori hanno perso in questi anni 
difficili il loro Primo Maggio e il virus 
che impera minaccioso sul mondo 
ci sta portando verso il baratro di una 
disoccupazione di proporzioni catastrofiche. 
Facciamo, cari politici di tutto il mondo, 
che questo 1° Maggio sia un momento 
di riflessione serio sulla ripresa 
del lavoro perché esso rappresenta 
l’umanità, la creatività, l’intelligenza, 
il saper fare di ogni donna e di ogni 
uomo. Esso per l’uomo è ciò che il sole 
e l’acqua sono per le piante: vita, dignità, giustizia!

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic