CULTURA Poesie         Pubblicata il

25 Aprile: Nota e Poesia di Pasquale Zolla

condividi




25 Aprile: Festa della liberazione 
Con la festa della Liberazione, celebriamo la liberazione dell’Italia dalla dittatura nazifascista. In questa data si commemorano anche i partigiani che hanno combattuto per la democrazia e la libertà di noi tutti. 
Il 25 aprile è importante anche per ricordare a noi tutti il valore della libertà, ma anche quelli della fratellanza, della pace e della solidarietà affinché certi eventi non si debbano mai più ripetere. 


‘A Lebertà 
U vindecinghe Abrile ‘na date éje 
ka éje parte senzjale d’a stòrje nòstre: 
éje pure pe kuiste ka ògge ce putime 
sendì libere. ‘A stòrje d’a lebertà éje 
‘na stòrje de resestènze. Èsse nenn’éje 
nu dune: éje ‘na kunguiste; éje kume 
‘a puvesìje: nenn’adda avè aggettive, 
éje lebertà. Amma èsse sèmbe kume 
i frafralle ka scelljèjene sóp’è file 
spenate; ligge kume i vucelluzze 
ka scelljèjene, è nò kum’è chjume. 
Kambà nenn’éje avvastanze: besugna 
avè u sóle p’a vedè nda nu pikkule 
fjòre. Èsse éje kume a nu mare 
tembestuse ka nenn’éje maje sènza 
ònne; éje u virusse chjù kuntagiuse 
kè ‘a umanetà ave maj kunusciute 
è ka besugna kungustarle ògnè jurne 
k’u èsse sèmbe sé stèsse. Pekkè ‘a pròve 
vaselare d’a lebertà nenn’éje tande 
nda kuille ka libere sime de fà 
quande nda kuille ka libere sime 
de ne nfà. Ò lebertà, lebertà! Kuale 
regine d’u unevèrze se pòde vandà 
d’avè appirze a èsse u kurtéje 
d’èruje ka tu ngile pussedìje?
 

La libertà 
Il 25 Aprile è una data 
che è parte essenziale della nostra storia: 
è anche per questo che oggi ci possiamo 
sentire liberi. La storia della libertà è 
una storia di resistenza. Essa non è 
un regalo: è una conquista; è come 
la poesia: non deve avere aggettivi, 
è libertà. Dobbiamo essere sempre come 
farfalle che volano sui fili 
spinati; leggeri come gli uccelli 
che volano, e non come le piume. 
Vivere non è abbastanza: bisogna 
avere il sole per vederla in un piccolo 
fiore. Essa è come un mare 
tempestoso che non è mai senza 
onde; è il virus più contagioso 
che l’umanità abbia mai conosciuto 
e che bisogna conquistarla ogni giorno 
con l’essere sempre se stessi. Perché la prova 
basilare della libertà non è tanto 
in ciò che siamo liberi di fare 
quanto in ciò che siamo liberi 
di non fare. O libertà, libertà! Quale 
regina dell’universo può vantarsi 
di avere al suo seguito il corteo 
di eroi che tu possiedi in cielo?
 
 
 
 
25 Aprile: Festa della liberazione
 
Con la festa della Liberazione, celebriamo la liberazione dell’Italia dalla dittatura nazifascista. In questa data si commemorano anche i partigiani che hanno combattuto per la democrazia e la libertà di noi tutti.
 
Il 25 aprile è importante anche per ricordare a noi tutti il valore della libertà, ma anche quelli della fratellanza, della pace e della solidarietà affinché certi eventi non si debbano mai più ripetere.
 

‘A Lebertà
 
U vindecinghe Abrile ‘na date éje
 
ka éje parte senzjale d’a stòrje nòstre:
 
éje pure pe kuiste ka ògge ce putime
 
sendì libere. ‘A stòrje d’a lebertà éje
 
‘na stòrje de resestènze. Èsse nenn’éje
 
nu dune: éje ‘na kunguiste; éje kume
 
‘a puvesìje: nenn’adda avè aggettive,
 
éje lebertà. Amma èsse sèmbe kume
 
i frafralle ka scelljèjene sóp’è file
 
spenate; ligge kume i vucelluzze
 
ka scelljèjene, è nò kum’è chjume.
 
Kambà nenn’éje avvastanze: besugna
 
avè u sóle p’a vedè nda nu pikkule
 
fjòre. Èsse éje kume a nu mare
 
tembestuse ka nenn’éje maje sènza
 
ònne; éje u virusse chjù kuntagiuse
 
kè ‘a umanetà ave maj kunusciute
 
è ka besugna kungustarle ògnè jurne
 
k’u èsse sèmbe sé stèsse. Pekkè ‘a pròve
 
vaselare d’a lebertà nenn’éje tande
 
nda kuille ka libere sime de fà
 
quande nda kuille ka libere sime
 
de ne nfà. Ò lebertà, lebertà! Kuale
 
regine d’u unevèrze se pòde vandà
 
d’avè appirze a èsse u kurtéje
 
d’èruje ka tu ngile pussedìje?
 
 
 
 
 
La libertà
 
Il 25 Aprile è una data
 
che è parte essenziale della nostra storia:
 
è anche per questo che oggi ci possiamo
 
sentire liberi. La storia della libertà è
 
una storia di resistenza. Essa non è
 
un regalo: è una conquista; è come
 
la poesia: non deve avere aggettivi,
 
è libertà. Dobbiamo essere sempre come
 
farfalle che volano sui fili
 
spinati; leggeri come gli uccelli
 
che volano, e non come le piume.
 
Vivere non è abbastanza: bisogna
 
avere il sole per vederla in un piccolo
 
fiore. Essa è come un mare 
 
tempestoso che non è mai senza
 
onde; è il virus più contagioso
 
che l’umanità abbia mai conosciuto
 
e che bisogna conquistarla ogni giorno
 
con l’essere sempre se stessi. Perché la prova
 
basilare della libertà non è tanto
 
in ciò che siamo liberi di fare
 
quanto in ciò che siamo liberi
 
di non fare. O libertà, libertà! Quale
 
regina dell’universo può vantarsi
 
di avere al suo seguito il corteo
 
di eroi che tu possiedi in cielo?
 

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic