CULTURA Poesie         Pubblicata il

Nota e poesia su Dante Alighieri da Pasquale Zolla

condividi




DANTE ALIGHIERI
Con la sua opera, la "Divina Commedia, Dante ha dato all'umanità una visione cristiana filosofica del destino eterno dell'uomo.
Nato a Firenze nel 1265, sposò nel 1285 Gemma Donati, dalla quale ebbe tre figli.; partecipò alla battaglia di Campaldino e, dal 1295 al 1302, si dedicò all'attività politica ricoprendo cariche importanti a Firenze, dove erano in atto lotte politiche spesso sanguinose tra i Guelfi, sostenitori del papato, e i Ghibellini, sostenitori dell'impero.
In seguito alla sconfitta del suo partito, Dante, guelfo di parte bianca, fu ingiustamente condannato e costretto all'esilio (1301). Passò il resto della sua vita, fino alla morte avvenuta nel 1321, peregrinando da una corte all'altra svolgendo incarichi diplomatici.
Nella poesia in vernacolo l'interpretazione dei fini dell'opera del grande poeta è frutto di pura fantasia, ma mi auguro possa piacervi.
 
Chiedo scusa a tutti per il disturbo, ma non potevo fare a meno di non ricordare il sommo poeta e la sua opera immortale: la Divina Commedia.
Buona lettura.
'A sòrte sènza timbe de l'òme
K'a Devine Kummèdje Dande ci'have
date 'na vesjòne krestjane fesulòfeke
d'a sòrte sènza timbe de l'òme. Ci'have
nvughjate 'a kanòsce 'a venuta nòstre
ò' munne pe ce dì de nen kambà da babbe
(Ummene site, è nò pekure matte), ma d'èsse
vertuse pekkè Kuille ka ògnèkkòse
semòve ce have arrjalate u libre
arbitrje nò p'èsse cekate, kanèrze
è 'mmedjuse, ma pe vedè 'a 'ternetà
nda nu ranille de réne è u paravise
nda nu fjòre de kambe tenènne
u mbenite nd'u parme de 'na mane
è 'a 'ternetà nda n'òre. Lassate ògnè
speranze, ò vuje ka trasite, have skritte
sóp'a pòrte d'u Mbèrne. Nu kunzighje
éje pe ce dì ka u mbèrne de ki kambe
nenn'éje kakkèkkòse ka sarrà, ma éje
kuille k'abetame è jurne nustre è ka
sime arrevate ò punde ka nenn'u vedime
chjù pekkè n'u nzapime chjù arrekanòsce.
È ce abbannuname è rekurde, sènze
ka kunne ce rennime ka ninde dace chjù
delòre ka u rekurdà i mumènde chjù bèlle
nd'a mbelecetà. Bèlle, 'mméce, sarrìje
fà arrenasce nda nuje u Ammòre p'arrekanòsce
kuille ka de bèlle c'éje arrumase d'u paravise:
i brellòkke d'u cile, i fjure è i krjature.

Il destino eterno dell'uomo

Con la Divina Commedia Dante ci ha
dato una visione cristiana filosofica
del destino eterno dell'uomo. Ci ha
invogliati a conoscere la nostra venuta
al mondo per dirci di non vivere da stolti
(Uomini siete, e non pecore matte), ma di essere
virtuosi perché Colui che tutto
muove ci ha donato il libero
arbitrio non per essere ciechi, avari
e invidiosi, ma per vedere l'eternità
in un granello di sabbia e il paradiso
in un fiore di campo tenendo
l'infinito nel palmo di una mano
e l'eternità in un'ora. Lasciate ogni
speranza, o voi che entrate, ha scritto
sulla porta dell'Inferno. Un monito
è per dirci che l'inferno dei viventi
non è qualcosa che sarà, ma è
quello che abitiamo ai nostri giorni e che
siamo giunti al punto di non vederlo
più perché non sappiamo più riconoscerlo.
E ci abbandoniamo ai ricordi, senza
renderci conto che niente dà più
dolore che il ricordare i momenti felici
nell'infelicità. Bello, invece, sarebbe
far rinascere in noi l'Amore per riconoscere
ciò che di bello ci è rimasto del paradiso:
le stelle, i fiori e i bambini.

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic