NEWS ON LINE Subappennino         Pubblicata il

Comunità Energetica di Roseto Valfortore




CONFERENZA STAMPA DEL 28-02.20

ROSETO VALFORTORE COMUNITA’ ENERGETICA

 

Roseto Valfortore è stato sempre pioniere nella produzione di energia rinnovabile ed è stato sempre attento alle proposte di sviluppo locale autosostenibile centrate sulle Fonti Energetiche  Rinnovabili (FER).

Uno dei primi impianti eolici in Italia fu realizzato da I.V.P.C. a Roseto nel …… (oggi di proprietà di ERG che si accinge a preparare il progetto di repowering). A Roseto Fortore Energia, la società pubblico/privata promossa dalle Comunità Montane dei Monti Dauni e del Fortore, realizzò il suo primo parco eolico nel 2005 e nel 2010 costituì con il Comune la società Aria Diana, che realizzò un impianto eolico di 4,6MW entrato in produzione nel 2013. L’obiettivo era quello, già allora, di creare un impianto di Comunità, dove il privato  realizzava e gestiva l’impianto e il Comune, una volta che il privato fosse stato ripagato del suo investimento, avrebbe acquisito il controllo. Infatti in Area Diana il Comune entrò con una percentuale del 35% prevedendo nel contempo un aumento dell’8%, ogni cinque anni, della sua quota di partecipazione nella società, fino a raggiungere il 60%. Questo è l’obiettivo cui ancora oggi mira il Comune. La delibera del Consiglio Comunale n. 33 del 21.12.2018 con la quale il Comune aveva deliberato di mantenere la sua partecipazione in Area Diana è stata infatti oggetto di impugnativa dinanzi al TAR Puglia Bari giacché si sostiene che sia in contrasto con il D.Lgs. 175/2016 ovvero con il Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica; il Comune si è costituito in giudizio per sostenere le proprie ragioni e confida in un esito favorevole del giudizio ovvero nel rigetto del ricorso.  

Roseto ha creduto da sempre nella green economy come fonte di occupazione e di ricchezza per il nostro Territorio. Ha cercato, sin dal primo insediamento di sfruttare al massimo l’aspetto occupazionale e le royalies che sono state una vera manna per gli investimenti nei nostri borghi e per ripianare i bilanci, considerato i sempre più esigui trasferimenti dallo Stato. Oggi lavorano nell’indotto dell’eolico circa 30 ragazzi che hanno messo su famiglia e sono rimasti a Roseto.

C’è da sottolineare che Roseto e gli altri Comuni dei Monti Dauni avrebbero potuto essere protagonisti e “padroni” del nostro territorio cambiando il corso della storia economica e occupazionale, se solo fossero stati più lungimiranti e i cittadini e i Comuni avessero avuto un ruolo proattivo nei processi di investimento, partecipandovi direttamente.

Roseto continua a credere nel protagonismo dell’ente locale come propulsore di progetti di comunità per migliorare le condizioni di vita dei residenti. Per questo il Comune mentre, da un lato, continua a sostenere le sue ragioni al fine di conservare e accrescere la sua partecipazione in Area Diana, dall’altro, ha avviato una collaborazione con la società Friendly Power che ha realizzato lo studio di fattibilità per la realizzazione di una “Comunità Energetica” a Roaseto Valfortore, che viene presentato oggi in questa Conferenza Stampa.

Nel modello di Comunità Energetica, sviluppato da Michele Raffa e proposto da Friendly Power, i cittadini e il Comune saranno protagonisti e non comparse nei processi di investimenti, come è stato negli anni precedenti.

Il MODELLO prevede quattro FASI:

 Il passaggio da Consumer a Prosumer (l’obiettivo è quello di raggiungere almeno il 35% di energia autoprodotta da FER e consumata),

 Il passaggio da Prosumer a Prosumer Plus (gli obiettivi sono quelli (a) di raggiungere almeno il 70% di energia autoprodotta da FER e consumata e (b) di far diventare tutti i Prosumer “nodi” della Comunità),

 La realizzazione di Impianti di Comunità (gli obiettivi sono quelli (a) di raggiungere il 100% di energia autoprodotta da FER e consumata e  (b) di far diventare anche gran parte dei Consumer “nodi” della Comunità);

 La diffusione della Comunità attraverso il Power Cloud (gli obiettivi sono quelli (a) di gestire i flussi energetici della Comunità Energetica, in modo virtuale, utilizzando la rete del distributore, o reale, acquisendo la rete locale, e (b) di allargare virtualmente la rete a consumer/nodi ubicati anche fuori dal territorio comunale).

Ciascuna FASE del MODELLO viene realizzata attraverso progetti/investimenti che rientrano a pieno titolo in un processo già in atto a livello nazionale, europeo e globale, che viene chiamato TRANSIZIONE ENERGETICA.

Le FASI del MODELLO possono essere realizzate:

• in sequenza, secondo un approccio bottom up,

• in contemporanea, secondo un approccio top down.

Ciascuna AZIONE viene realizzata attraverso uno o più progetti autoconsistenti, capaci cioè di creare valore aggiunto e/o ricchezza, attraverso la diminuzione di costi e/o l’aumento di ricavi, senza che siano necessariamente collegati ai progetti delle altre AZIONI.

 

L’approccio bottom up è quello già iniziato da Roseto. il processo di TRANSIZIONE ENERGETICA si completerà in un periodo che può durare dai 5 ai 10 anni per arrivare alla Comunità Energetica.

L’approccio top down prevede un ruolo attivo della Regione, con la quale il Comune, le Associazioni e i privati coinvolti nella realizzazione della Comunità Energetica sottoscrivono un Accordo di Programma Quadro (APQ) per creare la Comunità Energetica, che riguarderà un’area omogenea, all’interno della quale saranno realizzati, anche contemporaneamente, i progetti previsti dal modello. In questo caso il processo di TRANSIZIONE ENERGETICA si completerà in un periodo minore, che può durare dai 3 ai 5 anni per arrivare alla Comunità Energetica.

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic