CULTURA Poesie         Pubblicata il

La festa degli innamorati - nota e poesia sulla festività di San Valentino da Pasquale Zolla




La tradizione di San Valentino quale protettore degli innamorati risale all'epoca romana, nel 496 d. C., quando l’allora papa Gelasio I volle porre fine ai lupercalia, gli antichi riti pagani dedicati al dio della fertilità Luperco, che si celebravano il 15 febbraio e prevedevano festeggiamenti sfrenati ed erano apertamente in contrasto con la morale e l'idea di amore dei cristiani.
Il clou della festa si aveva quando le matrone romane si offrivano, spontaneamente e per strada, alle frustate di un gruppo di giovani nudi, devoti al selvatico Fauno Luperco.
Ad alleviare il dolore bastava lo spettacolo offerto dai corpi di quei baldi giovani, che si facevano strada completamente nudi o, al massimo, con un gonnellino di pelle stretto intorno ai fianchi.
Esistono molti Santi di nome Valentino, e, a parte il fatto che tutti furono martiri, non si sa molto di loro. Due sono i più noti.
Il primo, nato a Interamna (oggi Terni) nel 176, proteggeva gli innamorati, li guidava verso il matrimonio e li incoraggiava a mettere al mondo dei figli. Il Santo veniva descritto come guaritore degli epilettici e difensore delle storie d’amore.
Il secondo, invece, sarebbe morto a Roma il 14 febbraio del 274, decapitato. Per alcune fonti sarebbe lo stesso vescovo di Terni. Per altri - tesi più plausibile - sarebbe un altro martire cristiano. Per altri ancora, non sarebbe mai esistito.
Si racconta che Valentino sarebbe stato giustiziato perché aveva celebrato il matrimonio tra la cristiana Serapia e il legionario romano Sabino, che invece era pagano.
La cerimonia avvenne in fretta, perché la giovane era malata. E i due sposi morirono, insieme, proprio mentre Valentino li benediceva. A chiudere il cerchio della tragedia sarebbe poi intervenuto il martirio del celebrante.
In realtà il merito moderno di aver consacrato San Valentino come santo patrono dell'amore è da ascrivere a Geoffrey Chaucer, l'autore dei Racconti di Canterbury che alla fine del '300 scrisse - in onore delle nozze tra Riccardo II e Anna di Boemia - The Parliament of Fowls, (Il Parlamento degli Uccelli) un poema in 700 versi che associa Cupido a San Valentino. Che così divenne il tramite ultraterreno della dimensione dell'Amore cortese.

U ammòre nustre
U ammòre nustre uardate have
sèmbe nò ke l’ucchje ma ke l’alme;
è state u jì ka purtate ce have
vèrze ‘a lustre de n’idjale ùuàle.
U ammòre nustre nenn’éje state
nu vestetille già kusute, ma pèzze
da taghjà, appreparà è kòse.
Nenn’éje state ‘na kasuccèlle
chjave ‘mmane, ma ‘na kasuccèlle
da penzà k’a kape, da kustruì, da kunzervà
e, spisse, d’arreparà. Avute have
‘a fòrze d’addevendà certèzze dinde
de sè è, angòre mò ka vicchje sime,
fina ngile arrive pekkè ce stace,
stace da sèmbe è jute éje
jurne dòppe jurne aùmendanne.
Angele ke sckitte ‘na scille éravame,
ma restanne avvrazzate avime
putute scelljà. Kuanne béne ce se vóle
ninde de mèghje ce stace ka dà sèmbe,
tutte, u kambà pròbbete, u pròbbete
penzire, u kurje pròbbete, tuttekuille
ka se téne; sènde kuille ka se dace;
mètte tuttekuande ndu juke è putè
dà sèmbe de chjù, akkussì u ammòre
addevènde méle ka face devendà
‘a vite nu fjòre. I stòrje alluvére
d’a ‘mmòre ne ndènene fine maje
pekkè andò ce stace nu granne ammòre
akkapetene sèmbe merakule:
t’appruteggéje d’ò passà d’u timbe
e nde face maje vecchjarille addevendà.


Il nostro amore
Il nostro amore ha guardato
sempre non con gli occhi ma con l’anima;
è stato il cammino che ci ha portati
verso la luce di un ideale comune.
Il nostro amore non è stato
un vestito già confezionato, ma stoffa
da tagliare, preparare e cucire.
Non è stato un appartamento
chiavi in mano, ma una casa
da concepire, da costruire, da conservare
e, spesso, da riparare. Ha avuto
la forza di diventare certezza dentro
di sé e, ancora adesso che siamo anziani,
è sublime perché c’è,
esiste da sempre ed è andato
aumentando di giorno in giorno.
Eravamo angeli con una sola ala,
ma restando abbracciati abbiamo
potuto volare. Quando ci si ama
non c’è niente di meglio che dare sempre,
tutto, la propria vita, il proprio
pensiero, il proprio corpo, tutto quel
che si possiede; sentire quel che si dà;
mettere tutto in gioco e poter
dare sempre di più, così l’amore
diviene miele che fa diventare
la vita un fiore. Le vere storie
d’amore non hanno mai fine
perché dove c’è un grande amore
accadono sempre miracoli:
ti protegge dallo scorrere del tempo
e non ti fa mai invecchiare.

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic