CULTURA Poesie         Pubblicata il

La Candelora. Nota e poesia sulla Candelora da Pasquale Zolla




La Candelora
Passagio tra massimo buio e freddo e quello di risveglio della luce


La festa della candelora cade il 2 febbraio ed è una ricorrenza che segna un po’ il passaggio tra l’inverno e la primavera.
Da febbraio in avanti, infatti, le giornate iniziano ad allungarsi e si va pian piano verso la stagione più calda: la bella stagione!
Anticamente questa festa veniva celebrata il 14 febbraio (40 giorni dopo l’Epifania e la denominazione di Candelora deriva dalla somiglianza del rito del lucernario, di cui parla Egeria nella sua Peregrinatio Aetheriae (24,4): “Si accendono tutte le lampade e i ceri, facendo così una luce grandissima!”

Papa Gelasio I (492/496), durante il suo episcopato, ottenne dal Senato l’abolizione dei pagani Lupercali, che furono sostituiti dalla festa cristiana della Candelora.
Nel VI secolo la ricorrenza fu anticipata da Giustiniano al 2 febbraio, data in cui si festeggia ancora oggi.
A chi ama il vernacolo di Lucera (Fg), oltre alla poesia di seguito, voglio far conoscere detti e proverbi della mia Città, tratti dal mio dizionario: Parle kume t’ha fatte mammete, che evidenziano con altre espressioni ciò che era previsto per i giorni della merla di fine gennaio.

P’a sanda kannelóre ò nèveke ò chjòve d’u virne seme fóre, ma k’u sóle ò tira vinde d’u virne sime dinde. = Per la candelora con la neve o con la pioggia dell’inverno siamo fuori, ma con il sole o con il vento dell’inverno siamo dentro.// A’ kannelóre ‘a vernate éje fóre! Se vóte ‘a vècchje arraggiate: - Nenn’éje fóre ‘a vernate si nen spunde ‘a vukake; si vuje èsse chjù sekure, kuanne kalene i meteture. = Alla candelora l’inverno è fuori! Dice la vecchia arrabbiata: - Non è fuori l’inverno se non fiorisce il rovo; se vuoi essere più sicuro, quando arrivano i mietitori.// A’ kannelóre ògnè galline face l’óve. = Alla candelora ogni gallina fa l’uovo.(Per la candelora riprende la vita anche nel pollaio).


‘A Kannelóre
‘Na kannéle s’appicce, ‘n’avete,
‘n’avete angòre è ttuttekuande
i vambecèlle lòre arresblènnene
è zumbettjèjene mbacc’è krjature,
è vecchjarille, è fèmmen’è l’ummene
è allustrekèjene ‘a chjìse de ‘na lustre
kavete, prufumate de cére è nginze,
ka, pure si n‘nn’éje angòre premavére,
‘na dòce prumèsse de timbe bbèlle
te dace. Kannelóre, Kannelóre:
pigghje a kavece u virne k’u fridde
suje è k’u jéle suje è kk’a lustre
kavete tuje arresciuscetìje
frònne, frutte è fjure k’i lòre
kelure bbèllassaje è appure l’alme
d’i ummene de bbòne è kkative vulundà!

La candelora
Si accende una candela, un’altra,
un’altra ancora e tutte
le loro fiammelle brillano
e saltellano sui volti dei bimbi,
dei vecchietti, delle donne e degli uomini
e illuminano la chiesa di una luce
calda, odorosa di cera e incenso,
che, anche se non è ancora primavera,
una dolce promessa di bel tempo
ti dona. Candelora, Candelora:
scaccia l’inverno col freddo
suo e col suo gelo e con la luce
tua calda risveglia
foglie, frutti e fiori con i loro
bellissimi colori e anche l’animo
degli uomini di buona e cattiva volontà!

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic