CULTURA Poesie         Pubblicata il

I giorni della merla. Nota e poesia sui giorni più freddi dell'anno da Pasquale Zolla




Sono, secondo tradizione, gli ultimi tre giorni di gennaio e, sempre secondo la leggenda, sarebbero i tre giorni più freddi dell’anno.
Si narra che una merla dal bellissimo piumaggio bianco, era sempre strapazzata da gennaio, mese freddo e scuro, che non aspettava altro che lei uscisse dal nido in cerca di cibo, per scatenare freddo e gelo.
Stufa delle continue persecuzioni, un anno la merla fece provviste che bastassero per un mese intero e poi si rinchiuse nel suo nido. Rimase lì, al riparo, per tutto il mese di gennaio, che all’epoca durava ventotto giorni.
All’ultimo giorno del mese la merla, credendo di aver ingannato il perfido gennaio, sgusciò fuori dal nido e si mise a cantare per prenderlo in giro.
Gennaio, furioso, se ne risentì e chiese tre giorni in prestito a febbraio. Avutoli, scatenò bufere di neve, vento, gelo e pioggia.
La merla si nascose allora in un camino e vi restò ben nascosta aspettando che la bufera passasse.
Trascorsi i tre giorni e finita la bufera, la merla uscì dal camino, ma a causa della fuliggine il suo bel piumaggio candido si era tutto annerito.
E da quel giorno non solo tutti i merli nascono di colore scuro, ma è nato anche il detto:”Se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà mite; se invece sono caldi, la primavera arriverà in ritardo.
In questa leggenda l’unica verità è che nel calendario romano il mese di gennaio durava solo ventinove giorni.


I jurne chjù fridde

I jurne chjù fridde ognè anne
sònne l’uteme trè de jennare
è kkuiste avvenute éje pekkè
‘na mèrle l’éve ngire pegghjate
è ghisse, k’avéve vindòtte jurne,
a frebbare mbriste addummannaje
trè jurne è kkuille akkunzennìje.
Jennare tanne se skatenaje
ke trumminde de néve, vinde, jéle
è akkue è ‘a mèrle se nzerraje
dind’a ‘na cemmenére, ma kuanne
ascìje, stéve sì bbòne nzalute,
ma u bbèlle suje chjumagge s’ére
ngregiute p’a felinje d’a cemmenére.
Da tanne frebbare aspètte angòre
ka jennare i redarrìje i jurne
suje pekkè nen vóle ghèsse u mése
chjù kurte è Ddìje, da Patre bbune,
p’u akkundandà, ògnè kuatte anne
nu jurne de chjù i have dunate
è dde vindinòve u face addevendà!

I giorni più freddi

I giorni più freddi dell’anno
sono gli ultimi tre di gennaio
e ciò è avvenuto perché
una merla l’aveva deriso
e lui, che aveva ventotto giorni,
a febbraio chiese in prestito
tre giorni e quegli acconsentì.
Gennaio allora si scatenò
con bufere di neve, vento, gelo
e pioggia e la merla si rifugiò
in un camino, ma quando
uscì, era sì salva,
ma il suo bel piumaggio si era
ingrigito per la fuliggine del camino.
Da allora febbraio aspetta ancora
che gennaio gli ridia i giorni
suoi perché non vuole essere il mese
più corto e Dio, da buon Padre,
per accontentarlo, ogni quattro anni
un giorno in più gli ha dato
e di ventinove lo fa diventare!

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic