CULTURA Poesie         Pubblicata il

I re Magi. Nota e poesia sui magi, 'befani' del Bimbo Gesù da Pasquale Zolla




I re Magi

Volo con la fantasia e immagino che i veri "Befani" debbano essere considerati i re Magi perché sono i primi ad essere ricordati, nei Vangeli e non solo, come portatori di doni ad un Bambino in carne ed ossa di nome Gesù!

Ma conosciamo da vicino la loro storia! 

La leggenda dei re Magi nasce in terre esotiche e ricche di antiche tradizioni, ispirata all'oracolo di Balaam, identificato con Zoroastro, che aveva annunciato che un astro sarebbe spuntato da Giacobbe e uno scettro da Israele.

Erani sciamani legati al culto degli astri e, successivamente del dio Ahura Mazda, il protettore di tutte le creature.

Studiosi di astronomia, seguendo la lettura del cielo, avevano riconosciuto in Cristo uno dei loro Saosayansh, il salvatore universale, diventando così loro stessi, l'anello di congiunzione  tra la nuova religione nascente, il cristianesimo, e i culti misterici orientali, come il mazdaismo e il buddismo.

I doni dei Magi fanno riferimento alla duplice natura di Gesù, quella umana e quella divina.

L'oro è il dono riservato ai Re e Gesù è il Re dei Re; l'incenso è testimonianza di adorazione alla sua divinità, perché Gesù è Dio e la mirra, usata nel culto dei morti, perché Gesù è uomo e come uomo, mortale.

Inoltre il numero tre (Magi, doni), per alcuni, indicherebbe le tre razze umane, discendenti dai tre figli di Noè: Sem, Cam e Iafet.

Melchiorre è il più anziano e il suo nome deriva da Melech, che significa Re.;

Baldassarre deriva da Balthazar, mitico re babilonese, quasi a suggerire la regione di provenienza;

Gasparre, dal greco Galgalath, significa signore di Saba.


I Rèmmagge

Nòtta skurde: manghe 'na lustre,

manghe nu brellòkke d'u cile!

Allassakrése 'na sciallètte

de séte d'è ciuciuppille d'òre

sblènne ngile akkum'a munéte

ka pe migghje s'allareghéje  

è a jurne allustrukéje

tuttekuande u chjanéte.

È ttutte i brellòkke d'u cile,

grusse è pecceninne, lustre

sprezzekèjene è a gare fanne

k'u sblennòre lòre p'akkumbagnà

u prime sunne d'u Bbòmmine

Gesù. I Rèmmagge arréte vanne

a' scìje ka zigzaganne và

è kka pòrte a' méte: 'na kapanne

de fraske è pagghje andò

dócedóce kande 'na mamme.

È allà ngòndrene u Bbòmmine

Gesù, chjenèzze de veretà è d'ammòre,

ka adurèjene è arrekanòscene

kume Segnòre è Llustre d'u munne!

I re Magi

Notte buia: non un barlume,

non una stella!

All'improvviso una sciarpa

di seta dalla chioma d'oro

brilla nel cielo come una moneta

che si espande per miglia e miglia

e a giorno illumina

l'intero pianeta.

E tutte le stelle,

grandi e piccole, luce

sprizzano e a gara fanno

con il loro splendore per accompagnare

il primo sonno del Bambino

Gesù. I re Magi seguono

la scia che guizza

e che porta alla meta: una capanna

di frasche e paglia dove

dolcissima canta una mamma.

E lì incontrano il Bimbo

Gesù, pienezza di verità e di amore,

che adorano e riconoscono

come Signore e Luce del mondo!

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic