CULTURA Poesie         Pubblicata il

L'Anno Nuovo. Nota e poesia sul nuovo anno da Pasquale Zolla




Ogni anno, a fine anno, si porgono e si ricevono auguri di prosperità, felicità, amore ed ogni bene per l'anno che verrà.
 
Nel breve intervallo di tempo che separa il vecchio dal nuovo, il passato dal futuro, nell'attesa dell'anno che verrà, voliamo con l'immaginazione per staccarci un po' dalla realtà, nella speranza che l'anno nuovo porta belle novità. È atteso come un futuro in cui si realizzeranno sogni, desideri, progetti e molte cose cambieranno: la fame nel mondo verrà risolta, le guerre cesseranno, le malattie debellate o il male sconfitto con il trionfo del bene.
 
Insomma ci si illude che si possa mettere un punto fermo sul passato per ricominciare tutto daccapo.
 
Ma il tempo non si ferma né ricomincia. È un continuo scorrere e divenire della vita in cui i fatti in cui si è coinvolti sono il risultato di precedenza e successione tra eventi e memorie, scanditi con le ore, i giorni, i mesi e gli anni.
 
Tra poco entreremo nel futuro con l'ora zero che darà inizio al 2019 e l'immaginazione ridarà posto alla razionalità. Si tornerà alla realtà, ma è ancora presto per capire se il nuovo anno sarà un anno davvero nuovo o solo una pura illusione. Così continueremo a vivere gli eventi con la speranza che le cose, i pronostici, i programmi, i buoni propositi si realizzino e i sogni si avverino.
 
Comunque l'uomo ha bisogno di illusioni, di sogni e di speranze, di amore e di bontà per dare un senso alla vita, perché pensare al futuro, ad ogni nuovo anno, come qualcosa che di buono succederà, un senso alla vita sicuramente lo dà!

L'Anne vècchje nuve addevènde
 
U timbe devesjune ne ndéne
pe segnà u passagge suje;
ne nge stace maje 'na tembèste
de trunele ò strille de tròmme
p'annunzjà u 'nizje de nu nuve
anne: sime sckitte nuje murtale
ka kambane suname è sparame
murtarètte. Kumunghe u anne vicchje
passate éje. Lassame ka u passate
murte 'a pròbbeta mòrte subblukéje.
U nuve anne pùssèsse have pegghjate
d'u 'llòrge d'u timbe. È u 'bbjettive
d'u nuve anne nenn'éje avè
nu nuve anne. Éje k'avarrèmme
avè 'na nòva alme, nu nase nuve,
pite nuve, 'na nòva spine durzale,
rècchje nòve è ucchje nuve.
Arrapime n'atu libre de stòrje!
I pagene suje sònne janghe janghe,
ma stime pe ce skrive sópe
kakkèkkòse. È u prime suje
kapitele sarrà u jurne de kapedanne,
ka nasce sèmbe ke nu perekuluse
precedènde: u anne vicchje!
 
L'anno vecchio diventa nuovo
 
Il tempo non ha divisioni
per segnare il suo passaggio;
non c'è mai una tempesta
di tuoni o squilli di trombe
per annunciare l'inizio di un nuovo
anno: siamo solo noi mortali
che suoniamo campane e spariamo
mortaretti. Comunque l'anno vecchio
è passato. Lasciamo che il passato
morto seppellisca la propria morte.
Il nuovo anno ha preso possesso
dell'orologio del tempo. E l'obiettivo
del nuovo anno non è avere
un nuovo anno. È che dovremmo
avere una nuova anima, un nuovo naso,
piedi nuovi, una nuova spina dorsale,
orecchie nuove e occhi nuovi.
Apriamo un altro libro di storia!
Le sue pagine sono candide,
ma stiamo per scriverci sopra
qualcosa. E il primo suo
capitolo sarà il giorno di capodanno,
che nasce sempre con un pericoloso
precedente: l'anno vecchio!
 
Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic