CULTURA Poesie         Pubblicata il

La solennità dell’Immacolata Concezione. Nota e poesia sull'immacolata da Pasquale Zolla




Dio creò ogni creatura, e Maria generò Dio: Dio che aveva ceato ogni cosa, si fece Lui stesso creatura di Maria, e ha ricreato così tutto quello che aveva creato. E mentre aveva potuto creare tutte le cose dal nulla, dopo la loro rovina non volle restaurarle senza Maria. Dio, dunque, è il Padre delle cose create; Maria è la Madre delle cose ricreate. (Sant’Anselmo d’Aosta)

L’otto dicembre la Chiesa celebra la solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria. Si tratta del dogma che stabilisce che Maria di Nazareth non è stata toccata dal peccato originale, fin dal primo istante del suo concepimento.

A proclamare il dogma fu, l’8 dicembre 1854, papa Pio IX con la bolla: Ineffabilis Deus.


Grazjòne a’ Marìje, Vèrgine Tuttapure


Ò Marìje Tuttapure, ka ndu vèndre
kavete tuje cegghjate haje
nu Fjòre ka rjappecciate have
u ammòre è arrestetuìte
‘a grazje ka Éve c’éve luàte,
Tu ci’haje mustrate k’akkòrre
lassà fà a Dìje pe ghèsse
peddavvére kume Ghisse ce vóle
è kka face dind’a nuje tanda
maravigghje. Tu sì pe nuje Cile,
pekkè haje fatte agavezà
u sóle de justizje; Paravise,
pekkè dind’a tè è cegghjate
u fjòre ka nen mòre maje;
Vèrgene, pekkè maje tukkate;
Mamme, pekkè mbrazze è purtate
nu Figghje, Dìje de tuttekuande.
De malìje jìnghece k’i bbellizze
tuje è nnuje ndrét’a tè venime
akkalametate d’a sandetà tuje.
Arrekurdete de tuttekuande
nuje figghje tuje; avvalurìje
prisse Dìje i grazjòne nòstre;
mandine frèmme ‘a féde nòstre;
‘a speraze nòstre furtefekìje
è ‘a karetà aùmendìje. Nuje,
akkalametate d’a grazje ka
te aurnéje a tè venime
pe cerkà ‘a kujéte, ‘a serenetà
è ‘a fòrze de kuje d’abbesugne
avime p’affrundà i desfide
kutedjane. Ò chjéne de grazje,
grazjune facite pe nuje
ka arrekurrime a Vuje!

Preghiera a Maria, Vergine Immacolata


O Maria Immacolata, che nel ventre
tuo caldo hai germinato
un Fiore che ha riacceso
l’amore e restituito
la grazia che Eva ci aveva tolto,
Tu ci hai mostrato che occorre
lasciare fare a Dio per essere
veramente come Lui ci vuole
e che fa in noi tante
meraviglie. Tu per noi sei Cielo,
perché hai fatto sorgere
il sole di giustizia; Paradiso,
perché in te è sbocciato
il fiore dell’immortalità;
Vergine, perché inviolata;
Madre, perché in braccio hai portato
un Figlio, Dio di tutti.
Seducici con la bellezza
tua e noi ti seguiremo
attirati dalla tua santità.
Ricordati di tutti
noi figli tuoi; avvalora
presso Dio le nostre preghiere;
conserva salda la nostra fede;
fortifica la nostra speranza
e aumenta la carità. Noi,
attirati dalla grazia che
ti adorna a te veniamo
per cercare la pace, la serenità
e la forza di cui bisogno
abbiamo per affrontare le sfide
quotidiane. O piena di grazia,
pregate per noi
che ricorriamo a Voi!

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic