NEWS ON LINE Spazio aperto         Pubblicata il

La storia infinita dei cassonetti bruciati a Lucera: appello di un giovane cittadino

condividi


Riceviamo e pubblichiamo la protesta giunta in redazione di un giovane lucerino stanco dei continui episodi di inciviltà che si stanno verificando a Lucera. In particolare, la denuncia riguarda l'incendio dei cassonetti di via Silvio Mancini, episodio ripetuto nel corso degli ultimi mesi. Di seguito il testo-appello al sindaco Antonio Tutolo:

IL CASSONETTO DELLA VERGOGNA
 
Gentile redazione, gentile Sindaco e cari lucerini, 
sono un normalissimo e giovanissimo cittadino e, per quanto possa trascorrere poco tempo nella mia amata Lucera per motivi di studio, mi capita spesso, troppo spesso ormai, di assistere a episodi di incosciente vandalismo. È da circa quattro mesi infatti, che insistentemente viene dato alle fiamme un cassonetto della nettezza urbana per la raccolta dell’indifferenziato (già vittima di abbandono di amianto nel dicembre 2014) in via Silvio Mancini: pieno centro e zona abitata da molte persone. Inizialmente la cosa si ripeteva con poca frequenza ma nell’ultimo mese, purtroppo, si sono verificati ben tre episodi di questo tipo: 22 gennaio, 11 febbraio e l’ultimo (spero) ieri, 20 febbraio 2015. La situazione è –a mio avviso– abbastanza preoccupante ed allarmante perché, oltre al disarmante livello di ignoranza e vandalismo di chi compie il gesto, va sottolineato che i cassonetti sono adiacenti ad una cabina elettrica. In questo modo il livello di pericolosità dell’atto incivile si raddoppia, costringendoci quindi, sia a respirare fumo tossico, che a vivere un notevole stato di apprensione in quanto le lingue di fuoco (che sono abbastanza alte) lambiscono continuamente l’edificio elettrico; senza considerare la presenza delle numerose automobili e degli alberi nelle vicinanze. 
Fortunatamente i soccorsi dei vigili del fuoco sono sempre tempestivi e riescono ogni volta a domare le fiamme e a scongiurare il peggio. 
Dopo aver già segnalato la cosa su Facebook con foto e video, all’ennesimo episodio ho deciso di interpellare i giornali lucerini per avere una più ampia visibilità. Il mio vuol essere, oltre che un modo per denunciare l’ennesimo caso di contenitore per l’indifferenziato dato alle fiamme in città, un appello al sindaco Antonio Tutolo e all’Amministrazione Comunale di fare chiarezza sull’accaduto. Sono consapevole delle numerose 
incombenze che tengono impegnato il primo cittadino ma, allo stesso tempo, fiducioso del fatto che questo caso venga considerato al pari di tutte le altre problematiche che attanagliano la città. 
A noi invece, non resta altro che domandarci cosa si nasconde dietro questo atto di inciviltà: possibile che il livello di vandalismo, e ignoranza allo stesso tempo, sia arrivato a livelli smisurati? Forse dovremmo farci un esame di coscienza e chiederci dove sia finito tutto quell’amore verso la nostra città che ci ha da sempre caratterizzato rendendoci unici nel nostro essere e facendo elevare la nostra Lucera a città d’arte e di cultura qual è. La mia speranza è quella che domani continueremo ancora ad essere chiamati cittadini di “Lucera città d’arte”. 
 
A. B.

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic