POLITICA Provincia         Pubblicata il

Politiche: Michele Lunetta, attivista e sindacalista di Lucera tra i 14 candidati del SEL




Diamo anche in Capitanata il benvenuto a quel soggetto politico che ha a che fare con la qualità della vita e dei diritti e che vuole riproporre solidarietà, uguaglianza e giustizia.

Sinistra Ecologia e Libertà presenta, oggi, i 14 candidati della Provincia di Foggia alla Camera ed al Senato per le prossime elezioni politiche del febbraio 2013.  

“Benvenuta Sinistra”, il nostro slogan, significa più giustizia sociale, più libertà, più attenzione all’ambiente, alla cura delle persone, alla cura dei territori, alla cura del futuro.
In quella che possiamo definire una strana e surreale campagna elettorale, da una parte abbiamo il centrosinistra con il Partito Democratico e Sinistra Ecologia e Libertà che si candidano per governare il Paese. Dall’altra parte, assistiamo al dibattersi di una miriade di forze di Centro e di Destra le cui proposte di stampo ottocentesco sono promosse al solo fine di impedire la concretizzazione di questa reale alternativa, ostacolando – cioè -  una piena e netta vittoria della coalizione di Centro Sinistra affinché si ricrei quella situazione di ingovernabilità e confusione utile a giustificare la continuazione delle attuali politiche economiche e sociali che hanno gettato la società italiana (soprattutto le sue fasce più deboli) nell’abisso di una recessione mai sperimentata in 50 anni di storia repubblicana. 

Ed infine, questa campagna elettorale dovrà anche tenere conto degli scenari che si apriranno subito dopo il voto di Febbraio, poiché possiamo già individuare due aspetti fondamentali ed ineludibili della legislatura prossima ventura: per quanto riguarda le politiche del Governo, il programma e la composizione dell’esecutivo spetteranno ovviamente alla sola forza che uscirà vincente dal confronto  elettorale (e noi siamo certi che sarà il Centro Sinistra). Per quanto relativo alla natura “costituente” della prossima legislatura, ossia a tutte quelle riforme che bisognerà fare come, ad esempio, il ripensamento degli assetti istituzionali dello Stato, la riscrittura delle regole alla base dell’architettura democratica dell’Italia, la legge elettorale, è lapalissiana la necessità di ricercare un’intesa anche con i moderati.

Per tutti questi motivi le prossime saranno elezioni davvero storiche perché ci diranno se la società italiana avrà il coraggio di ripensare sé stessa oppure se prevarrà la paura del “nuovo”, se avrà la meglio quella visione miope ed egoistica che ha segnato drammaticamente il cammino finora percorso dalla seconda repubblica.
E ci troviamo, oggi, nella difficilissima condizione di dover infondere ai  nostri concittadini - agli elettori - quel coraggio, quella passione e quella fiducia che decenni di mala politica e di mal governo hanno frustrato ed inibito. Dobbiamo volerlo fare e saperlo fare. E per riuscirci mettiamo in campo - anche grazie allo strumento partecipativo delle primarie Parlamentarie - 14 candidati della Provincia di Foggia che di seguito (in rigoroso ordine alfabetico) veniamo a presentare con una breve sintesi biografica.

• Luigi Ragni Basso, sanseverese, macchinista ferroviere, impegnato in politica da sempre, segretario generale della FILLEA CGIL (provincia di Foggia), Segretario aggiunto della CGIL (provinciale) fino al 94. Dal 1994 al 1996 segretario del Partito dei Socialisti Italiani (sempre a livello provinciale). E’ stato anche vicesegretario provinciale FGSI. Attualmente è Presidente della Federconsumatori di Sansevero e coordinatore (Segretario) del circolo SEL di San Severo “L’Alternativa”.

• Alberto Abbenante, già assessore ai Servizi del Comune di Apricena, particolarmente impegnato nell’ecologia per i temi dello sviluppo e della crescita territorialmente sostenibili.

Michele Lunetta, impiegato sindacalista di Lucera, da sempre attivo per la tutela dei diritti dei lavoratori.

• Gianfranco Piemontese, già Sindaco di Mattinata (Fg), architetto, si occupa di storia dell’arte e del territorio collaborando con la SSIS Puglia ed altre Agenzie di Formazione post universitarie e svolgendo ricerca sui beni culturali architettonici per conto del Ministero per i beni e le attività culturali.

• Michele Di Pumpo, nato a Milano nel 1976, dottore in biologia, libero professionista, è consulente HACCP per il settore alimentare. Vicesindaco con delega all'urbanistica del comune di Cagnano Varano dal 2010, è impegnato dal 2002 nell'associazione pro loco di Cagnano Varano. Si candida con la consapevolezza che l’attuale momento di crisi – del quale non dobbiamo sottacere la portata – possa essere meglio affrontato con la più ampia adesione e con un “cambio di passo” che possa individuare nuovi percorsi da costruire assieme.

• Leonardo De Santis, bancario, laureato con tesi in diritto costituzionale, Coordinatore provinciale della Federazione Autonoma Bancari Italiani, dal 2009 è consigliere di Sinistra Ecologia e Libertà al Comune di Foggia.

• Anna Rita Prencipe, già assessore alla Pubblica Istruzione del comune di Manfredonia, esempio di donna combattiva ed energica che siamo orgogliosi di poter schierare nelle nostre fila. E’ impegnata soprattutto nel sociale e nel volontariato ed è particolarmente esperta nel settore della Sanità.

• Valeria Lauriola, giovane sangiovannese (35 anni), gestore di una piccola libreria indipendente, laureata in scienze della mediazione linguistica con alle spalle un master in pubbliche relazioni europee e numerosi lavori nel campo della comunicazione a Roma e Milano. Vera sorpresa delle Primarie parlamentarie, è attivista e militante di SEL fin dalla prima ora.

• Mara Russo, madre di due figli, insegna stabilmente da 5 anni in una scuola media della sua città; ha 7 anni di precariato alle spalle ed una laurea in architettura. Spera che il suo impegno in politica possa essere utile al conseguimento di quegli obbiettivi che i nostri ideali di equità e di giustizia rincorrono da sempre o, quanto meno, di approssimarli al meglio delle sue possibilità.

• Rosetta Di Mauro, classe 1968. Diplomata. Cresciuta in Puglia, precisamente a Torremaggiore (fg), figlia di un impiegato postale e di una casalinga, all’età di 18 anni ha fatto la sua prima esperienza politica militando nel PSI dei giovani. Separata con un figlio, da circa 13 anni lavora presso l’ospedale Teresa Masselli di San Severo in qualità di ausiliaria con la Sanitaservice. Ha accettato di candidarsi perché pensa che sia fondamentale che nelle liste dei candidati, oltre ai nomi di persone che hanno competenze specifiche e tecniche, siano presenti anche persone “comuni” e di estrazione popolare.

• Francesco Onorati, architetto, specializzato nel restauro monumentale. Attivista militante di SEL di Capitanata.

• Giuliano Volpe, Rettore dell’Università degli Studi di Foggia, concittadino del Presidente Vendola (essendo nato a Terlizzi nel 1958), risiede a Foggia da anni. Quarto di cinque figli, i genitori gestivano un piccolo negozio. Ha studiato al liceo classico e poi all’Università di Bari, dove si è laureato in archeologia, conciliando gli studi con l’impegno politico e con piccoli lavori. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Archeologia all’Università di Napoli “Federico II” e il dottorato di ricerca in Storia alla Scuola Superiore di Studi Storici della Repubblica di San Marino ed ha trascorso un periodo di perfezionamento all’Università di Aix-en-Provence. Dopo anni di precariato, come archeologo libero professionista, è stato prima ricercatore e professore associato all’Università di Bari e poi professore ordinario all’Università di Foggia. Dal 2008 è Rettore dell’Ateneo dauno (attualmente si è autosospeso dalla carica). Ha condotto ricerche archeologiche in Italia e all’estero, pubblicato oltre 400 contributi scientifici; dirige alcune riviste e collane di storia e archeologia. E’ Presidente della Società degli Archeologi Medievisti Italiani, membro del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici e, nella Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, coordina la Commissione Biblioteche. Dichiara di aver sempre avuto una grande passione politica, fin dagli anni dell’impegno giovanile, condividendo con Nichi Vendola le tante battaglie in quel di Terlizzi. Ha riversato questa passione civile anche nello studio e nel lavoro come docente universitario e rettore e nel campo dell’archeologia e dei beni culturali. In questi ultimi anni ha rappresentato una delle più forti voci critiche contro la destrutturazione del sistema universitario pubblico, a difesa in particolare delle università meridionali: le più colpite dalle politiche dei Governi Berlusconi e Monti. Ha collaborato con la Giunta Vendola in Puglia per il Piano Paesaggistico, per la valorizzazione dei beni culturali, per le politiche a favore della ricerca e dell’Università. Vorrebbe portare in Parlamento le sue competenze e una visione profondamente diversa della scuola, dell’università, della ricerca e dell’innovazione, dei beni culturali e paesaggistici, cioè di settori strategici per il futuro del nostro Paese, che da sempre Sinistra Ecologia e Libertà one al centro della propria iniziativa politica.

• Giuseppe Beccia, 29 anni, vive a Troia (FG) ed è sposato. Ha iniziato a lavorare a 17 anni come corrispondente per la Gazzetta del Mezzogiorno, testata per la quale ha lavorato fino al 2002. Negli stessi anni fondava un giornale studentesco, il "Fuorirotta", e cominciava ad impegnarsi nel movimento degli studenti. Si è impegnato per oltre dieci anni nel movimento studentesco a cominciare dalla città in cui ha studiato, Foggia, dove è stato Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti e Coordinatore provinciale dell'Unione degli Studenti (Uds). Successivamente, tra il 2001 e il 2002, viene eletto nella direzione nazionale e poi nell'esecutivo nazionale dell'Unione degli Studenti dove ricopre l’incarico di responsabile esteri e si occupa dei movimenti per la pace e del “movimento dei movimenti”. In questa veste ha avuto l’onore di intervenire di fronte a tre milioni di persone nella storica manifestazione sindacale del 23 marzo 2002. Ha partecipato all'organizzazione delle assemblee studentesche internazionali di Firenze, Londra, Parigi, Porto Alegre e Mumbai ed ha organizzato una missione di cooperazione internazionale studentesca negli Altos del Chiapas, in Messico. Nel 2005 è stato eletto coordinatore nazionale della commissione costituente della Rete Studentesca (oggi Rete della Conoscenza) e ha trascorso oltre un anno in viaggio tra gli atenei e le scuole di tutto il paese per ascoltare in presa diretta le istanze e i bisogni degli studenti. Nel 2007, dopo una esperienza di lavoro presso la sede nazionale di Amnesty International a Roma, è stato eletto Segretario Generale dell'Organising Bureau of European School Student Unions, la rete europea delle associazioni studentesche con sede a Bruxelles. In questa veste ho lavorato sui temi dell’istruzione, della formazione e della ricerca a stretto contatto con le principali istituzioni internazionali: il Parlamento e la Commissione Europea da un lato e il Consiglio d’Europa dall’altro. A Bruxelles ha vissuto e lavorato per quasi quattro anni e, al contempo, si è laureato in Storia all’Université Libre de Bruxelles. Nel 2010 ha maturato la decisione di tornare in Puglia, nella sua terra, per provare a costruire un progetto di sviluppo culturale e turistico nel territorio in cui vive, i Monti Dauni, insieme ad altri compagni d’avventure. Con loro, veri e propri “cervelli di ritorno” ripiombati in Puglia grazie a programmi come Bollenti Spiriti e Principi Attivi, è stato fondatore di “A.c.t! Monti Dauni”, un’organizzazione culturale che ha attivato sinergie in tutto il territorio regionale ed ha costruito in questi ultimi anni molteplici esperienze di successo. All’interno di questa organizzazione oggi lavora come progettista sui temi dello sviluppo culturale e turistico e, al contempo, coltiva la passione per la ricerca storica (nel 2011, in sinergia con un team di studiosi a livello internazionale, ha scritto un libro sui movimenti studenteschi d’Europa che è stato pubblicato in Francia). Nel 2010, insieme a tanti giovani che credono nella necessità di un rinnovamento della politica basato sulla democrazia partecipativa, ha fondato il movimento politico “Libertà è Partecipazione” promuovendo progetti importanti come il Bilancio Partecipativo (oggi Troia è l’unico comune pugliese a praticarlo), impegnandosi su temi come la precarietà e la meritocrazia, lottando contro la cementificazione e il consumo del suolo, impegnandosi per la difesa dell’ambiente e la promozione di un ciclo virtuoso dei rifiuti, difendendo le energie pulite e lottando contro il nucleare, promuovendo progetti di solidarietà internazionale e molto altro. Oggi, infine, raccogliendo il peso delle esperienze d’impegno civile e sociale di questi ultimi anni, si candida per Sinistra Ecologia e Libertà per il Parlamento Italiano.
 
• Arcangelo Sannicandro, Avvocato, laureato in Giurisprudenza (con abilitazione in Filosofia, Pedagogia e Psicologia), figlio verace della sua terra, si avvicina alla politica grazie all’esempio ed all’insegnamento di un modesto bracciante agricolo trinitapolese. Nel 1962 crea - insieme ad altri compagni - un movimento di collaborazione civica che si fa promotore di diverse attività come la lotta all’analfabetismo, la promozione della cultura attraverso dibattiti etc. al fine di far  acquisire alla gente la consapevolezza dei propri diritti. Capo-lega dei braccianti agricoli sino al 1972, quindi Sindaco di Trinitapoli (due mandati, nel ’73 e nell’83), per dieci anni consigliere provinciale di Foggia ricoprendo l’incarico di Capogruppo PCI e Assessore allo Sport, è attualmente Consigliere Regionale di SEL Puglia. Grande protagonista della politica regionale degli ultimi anni, è particolarmente impegnato nella tutela dei diritti dei lavoratori.

Il Coordinatore di Sinistra Ecologia e Libertà di Capitanata
Domenico Rizzi

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic