POLITICA Regione         Pubblicata il

Tribunale: delegazione lucerina ha incontrato Sindaco di Bari Emiliano

condividi




Mentre ieri, in quel di Roma, una delegazione istituzionale dei Sindaci di Lucera, Gargano e Monti Dauni, in marcia di protesta contro la soppressione del Tribunale, della Procura di Lucera e delle sezioni distaccate di Apricena e Rodi Garganico, veniva ricevuta da alcuni referenti della Presidenza della Repubblica, mercoledì 5 settembre una rappresentanza tecnico-politica lucerina, con il Vice Sindaco Costantino Senatore DellOsso e il consigliere comunale Pietro Scioscia (movimento Emiliano per la Puglia) ha fatto tappa a Bari.

Qui, nel pomeriggio, vi è stato l’incontro con il Sindaco del capoluogo Michele Emiliano, ex magistrato sensibile ai temi della giustizia e avvezzo alla pratica amministrativa, ormai al secondo mandato elettivo di seguito da quando si è dedicato alla politica attiva.

Il primo cittadino barese
, ancora una volta e per un’ora, ha prestato ascolto alle indicazioni degli ospiti dauni assumendo cognizione diretta di cifre, numeri ed elementi dal favorevole riscontro per la sede di giustizia della nostra città.
Ha preso appunti, senza trascurare alcunché, non solo per tenersi informato sulla situazione correlata al presidio giudiziario di piazza Tribunali, ma anche per studiare, eventualmente, un modo per essere vicino alla causa a partire dal discorso per il taglio del nastro alla Fiera del Levante, previsto domani 7 settembre.

Una vicinanza istituzionale che ha appagato i presenti rientrati in serata a Lucera, a testimonianza del tratto ospitale riconosciuto in Emiliano e che, i nostri concittadini, hanno apprezzato in occasione della marcia pro Ospedale ‘Lastaria’ dello scorso luglio.

Hanno fatto rientro in nottata, dalla Capitale, i Sindaci del comprensorio che, insieme al Comitato per la difesa della legalità in Capitanata, pensano a riconvocarsi, dopo il mancato confronto al Ministero della Giustizia, per seguire azioni ancora più mirate e dirette a salvaguardia del nostro Palazzo di Giustizia. Si ipotizza la autosospensione dai partiti di appartenenza e la conseguente creazione di un movimento politico locale. Vedremo.

Costantino Montuori

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic