CULTURA Lucera         Pubblicata il

San Pasquale Baylon, a Lucera si rivolgono a Lui le donne per trovare marito




Nasce da una famiglia di umili condizioni a Torrehermosa il 16 maggio 1540. Da fanciullo fa il garzone da un allevatore di pecore e, trascorrendo lunghe ore con il gregge nei pascoli, si dedica alla meditazione e alla preghiera.
A 18 anni chiede di essere ammesso al noviziato, cosa, però, che avviene due anni dopo.
Fa la solenne professione di fede il 2 febbraio 1564 e per diverso tempo rimane fratello laico addetto al servizio di portineria, in quanto non si sente degno di diventare sacerdote.
Al centro della sua vita spirituale è l’Eucarestia, cosa che lo porta a scrivere un libricino di sentenze per comprovare la reale presenza di Gesù in Essa. Muore a 52 anni, il 17 maggio 1592, a Villareal, nel giorno di Pentecoste; morte avvenuta anche per le continue mortficazioni corporali che si infliggeva. Il 29 ottobre 1618 Papa Paolo V lo proclama Beato e nel 1690 Papa Alessandro VIII lo canonizza.
Nel 1897 Papa Leone XIII lo proclama patrono delle opere e dei congressi eucaristici. Durante la guerra civile spagnola (1936/39) le sue spoglie vengono profanate e disperse; in parte, però, vengono recuperate e conservate presso il Santuario a Lui dedicato a Villareal.
Il suo culto si diffonde nel regno di Napoli durante la dominazione spagnola. Nella mia Città, Lucera, era molto venerato, tanto che molti bimbi venivano chiamati col suo nome. Inoltre è usanza, nel giorno della sua festa, mangiare fave arracciate, ossia fave cotte in acqua con foglie di alloro. Era in uso, e lo è ancora oggi presso gli anziani, un detto inerente le donne nubili, che si rivolgevano a Lui per trovare marito: Sambaskuale Bbajelònne, prutettóre de li dònne, famme trùuà nu marite, janghe, russce è kulurute kum’a ttè, tal’è kkuale, ò grurjuse Sambaskuale. = San Pasquale Baylòn, protettore delle donne, fammi trovare un marito, bianco, rosso e colorito come te, tale e quale te, o glorioso San Pasquale.
 
Grazzjòne a Sambaskuale

Ò grurjuse Sambaskuale, prutettóre
d’i fèmmene, tu ka da sèmblece te sì
vestute pe Ddìje cerkà, prutiggeme
nda tutte i necessetà de stu munne
è ssi t’addummanne kakkèkkóse ka ne
nzìj’u bbéne mìje vére, n’usaùdènne.
Ò grann’è bbune Sambaskuale, tu k’haje
musurate i péne mbacci’a ttè stèsse,
fà k’a ttè nvane nen me arrevulgéje,
nguande ‘a frèmme speranze tènghe ìje
de kunzuguì, pe ‘a ndercessjòna tuje,
nu jurne, u Règgne d’i Cile. Pettande
fà, ò Sambaskuale, ka l’anema mìje
nz’arravògghje nd’a mugghje, ma ka scelljéje
kume è vucelluzze ka dind’a l’arje
se purefekèjen’è pulezzèjene.


Preghiera a San Pasquale

O glorioso San Pasquale, protettore
delle donne, tu che da semplice ti sei
vestito per cercare Dio, proteggimi
in tutte le necessità di questo mondo
e se ti chiedo qualcosa che non
risulti il mio vero bene, non esaudirla.
O grande e buono S. Pasquale, tu che hai
misurato le sofferenze su di te stesso,
fai che a te non mi rivolga invano,
in quanto ho la ferma speranza
di conseguire, per intercessione tua,
un giorno, il Regno dei Cieli. Pertanto
fa, o San Paquale, che l’anima mia
non si rivolti nel fango, ma che voli
come gli uccellini i quali nell’aria
si purificano e si puliscono.

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic