Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it

CULTURA > Poesie



Capodanno: il vecchio si rinnova. Nota e poesia sul Capodanno da Pasquale Zolla



Stampa pagina



Condividi su FB

Mediaweb Grafica - Lucera - tel +39 0881548334
La scelta di considerare il 1° gennaio quale primo giorno dell'anno è dovuta all'introduzione del calendario giuliano promulgato da Giulio Cesare nell'anno 46 d.C. (prima veniva considerato il 1° marzo).
La festa trae origine dai festeggiamenti in onore del dio Giano, da cui nasce anche gennaio.
Nel Medioevo l'inizio dell'anno avveniva in diverse date, basti dire che fino al 1752 in Inghilterra e in Irlanda, come pure a Pisa e a Firenze, il capodanno si celebrava il 25 marzo, giorno dell'Incarnazione, mentre in Spagna fino all'inizio del Seicento il cambio dell'anno era il 25 dicembre, giorno della Natività.
In Francia fino al 1564 il Capodanno veniva festeggiato nella domenica della Resurrezione; a Venezia il 1° marzo e in Puglia, Calabria e Sardegna si festeggiava seguendo lo stile bizantino che lo indicava al 1° settembre.
Nel 1691 papa Innocenzo XII stabilì che l'anno doveva cominciare il 1° gennaio, secondo lo stile della Circoncisione.
L'adozione del calendario gregoriano fece sì che anche la data del 1° gennaio, come inizio d'anno, divenisse comune.
Il Capodanno è un'occasione per celebrare la notte di passaggio tra il 31 dicembre e il 1° gennaio, che si festeggia con il veglione di Capodanno in quasi tutte le città del mondo con spari di fuochi artificiali.
Molti la considerano anche un'occasione per fare buoni propositi per il nuovo anno, che rimangono solo tali dentro di loro.
In Italia è tradizione una serie di rituali scaramantici come quello di vestire biancheria intima di colore rosso o di gettare dalla finestra oggetti vecchi o inutilizzati. Quest'ultimo, grazie al cielo, è ormai solo un ricordo!
Durante il veglione si mangiano le lenticchie, come augurio di ricchezza per l'anno nuovo, e baciarsi sotto il vischio in segno di buon auspicio.
 
FELICE 2017 A TUTTI!
Kapedanne: ò cile libere
U timbe devesjune ne ndéne
pe u passagge suje sengalà;
'na tembèste de tune ò trellìje
de tròmme maje nge stace p' annungià
u nizje de ne nuve anne, sime
sèmbe è ssurtande nuje a sunà
kambane è ppisciavunnèlle sparà.
Nda stu nizje d'anne, pettande, 'mmetà
vògghje tutte i jenìje d'u munne
ò cile leberà i pròbete vulìje,
pekkè a ògnè sciusce de vinde
mbruvvise i se pòzze arrekurdà;
i pavure, pekkè k'a prufunnetà
suje  i pòzze tutte ammesckà
k'i brellòkke d'u cile è i trasfurméje
dind'a nuve punde de referemènde
pe krèsce; i nume d'i perzune
ka chjù béne se vònne, pekkè n'angele
i nume lóre kustudisce nd'i kòse
chjù kare; i pròbete speranze,
pekkè 'na lustre pòzzene addevendà
p'ì jurne chjù skurde; 'a pròbeta
lustre, k'allustrekéje u kammenà
dind'u jì d'u pròbete kambà.
 
Capodanno: libera al cielo
Il tempo non ha divisioni
per segnare il suo passaggio;
una tempesta di tuoni o squilli
di trombe non c'è mai per annunziare
l'inizio di un nuovo anno, siamo
sempre e soltanto noi che suoniamo
campane e spariamo fuochi artificiali.
In questo inizio d'anno, pertanto, invitare
voglio l'intera umanità
a liberare al cielo i propri desideri,
perché ad ogni ventata
improvvisa li si possa ricordare;
le paure, perché con la profondità
sua le possa mischiare tutte
con le stelle e le trasformi
in nuovi punti di riferimento
per crescere; i nomi delle persone
che si amano di più, perché un angelo
i loro nomi custodisca tra le cose
più care; le proprie speranze,
perché un faro possano diventare
per i giorni più bui; la propria
luce, che rischiari i passi
nel cammino della propria vita.
 
Pasquale Zolla






« TORNA ALLA PAG. PRECEDENTE   HOME  

Vedi FotoGallery   Stampa pagina  
pubblicita lucerabynight.itnoleggio auto lucera dipa srlpubblcita lucera