Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it

CULTURA > Poesie



Lucia: la santa protettrice della vista - nota e poesia di Pasquale Zolla



Stampa pagina



Condividi su FB

Mediaweb Grafica - Lucera - tel +39 0881548334
Santa Lucia, protettrice degli occhi e della vista, fu una martire cristiana morta durante le persecuzioni di Diocleziano a Siracusa.
Giovane donna di buona famiglia, fidanzata e destinata ad un futuro di moglie e madre, quando la mamma si ammalò, si recò in preghiera sulla tomba di Sant’Agata a Catania, per invocarne la sua guarigione.
Sant’Agata le apparve e le chiese di dedicare la sua vita all’aiuto dei poveri e dei deboli, predelicendole il martirio.
Tornata a Siracusa, trovò la madre guarita e lei ruppe il fidanzamento e andò tra i poveri nelle catacombe con una lampada in testa.
Il fidanzato si arrabbiò e decise di vendicarsi denunciandola come cristiana.
Lucia anche sotto tortura ammise che la sua forza veniva dallo spirito, tanto che né uomini, né buoi, né fuoco, né pece bollente riuscirono a smuoverla.
Condannata a morte, prima dell’esecuzione predisse a Diocleziano la sua morte e la fine delle persecuzioni.
Ci sono due leggende su Santa Lucia. La prima dice che Lucia era una ragazza molto buona e che un ragazzo si era innamorato di lei, ma a lei non piaceva. La madre voleva che lo sposasse, ma lei si rifiutò. Il ragazzo venuto a conoscenza del rifiuto disse che l’avrebbe bruciata. Lucia pregò Dio di darle la forza di sopravvivere al fuoco e il suo desiderio venne esaudito.
Il ragazzo visto che Lucia resisteva al fuoco, prese una spada e gliela conficcò nella gola. Lucia sopravvisse per oltre tre ore dicendo parole stupefacenti.
La seconda leggenda racconta che un ragazzo si innamorò di Lucia e in particolare dei suoi occhi. Lei rifiutò il suo amore, ma in cambio gli diede i suoi occhi. Allora accadde un miracolo: Lucia riebbe di nuovo gli occhi ancora più belli.
Il giovane le chiese nuovamente di dargli gli occhi, ma lei si rifiutò e il giovane la uccise infilandole un coltello nel cuore.
Si dice anche che il giorno di Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia, ma è una definizione sbagliata in quanto il re Canuto di Svezia aveva stabilito che il 13 dicembre sarebbe dovuto essere il solstizio d’inverno, mentre si sa che è il 21 dicembre il giorno più breve.
Auguri a tutte le Lucie del mondo!

Sandalucìje, vine t’aspètte

Sandalucìje ka nd’i mane tuje
jendile purte l’ucchje a ki chjù
ne mbòde ò ne nvòle vedè,
dind’a kasa mìje trase, nd’a nòtte
tuje, cittacitte, sènza fà manghe
nu remòre è, akkume faje
p’i krjaturille brave è bbune
a kuje purte k’u ciucciarille tuje
ammagate dòrce è ddune nguandetà,
arrapeme ‘a vesazze d’i rekurde
akkuanne da pecceninne me facive
truà a pitelitte, a ndò durméve
ke l’ucchje mizz’apirte è mmizze chjuse
pe te vedè, i dòrce. Mé, vine te préje,
ke kundandèzze t’aspètte pekkè
te vògghje vedè, te vògghje tukkà
è ‘na grazjòne k’u kòre ‘m’mane
te fazze: prutìjeme da ògnè
male è u jì mìje lustrukìje
d’a Lustre ka ne nze stute maje
de l’ucchje tuje, chjù bèlle d’i stèlle ngile!

Santa Lucia, vieni ti aspetto

Santa Lucia che nelle tue mani
gentili porti gli occhi a chi più
non può o non vuole vedere,
entra in casa mia, nella notte
tua, in silenzio, senza fare alcun
rumore e, come fai
per i bambini bravi e buoni
a cui porti con il tuo asinello
fatato molti dolci e doni,
aprimi la bisaccia dei ricordi
quando da piccolo mi facevi
trovare a piediletto, dove dormivo
con gli occhi semichiusi
per vederti, i dolci. Su, vieni ti prego,
felice ti aspetto perché
ti voglio vedere, ti voglio toccare
e una preghiera con il cuore tra le mani
ti faccio: proteggimi da ogni
 male e illumina il mio cammino
della Luce Eterna
dei tuoi occhi, più belli delle stelle del cielo!

Pasquale Zolla






« TORNA ALLA PAG. PRECEDENTE   HOME  

Vedi FotoGallery   Stampa pagina  
pubblicita lucerabynight.itnoleggio auto lucera dipa srlpubblcita lucera