Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it

CULTURA > Poesie



La giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Poesia di Pasquale Zolla



Stampa pagina



Condividi su FB

Mediaweb Grafica - Lucera - tel +39 0881548334
Nel dicembre del 1999 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituito la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, che ricorda le vittime del femminicidio e si celebra il 25 novembre.
La nascita di questa celebrazione prende le mosse dal sacrificio di Maria Argentina Minerva, Antonia Maria Teresa e Patria Mercedes, uccise il 25 novembre del 1960 mentre andavano a trovare i mariti in carcere.
L’assassinio delle sorelle Mirabal venne preso d’esempio dall’Onu, su indicazione nel 1981 di un gruppo di donne riunitesi in un consesso femminista a Bogotà, per designare detta data come Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
Le tre sorelle furono intercettate dagli uomini del dittatore Trujillo, della Repubblica Dominicana, portate nei campi, uccise a bastonate e spinte in un burrone, per simulare una morte casuale.
La vicenda si diffuse in tutto il mondo, fino a diventare il triste emblema della violenza maschile che, ancora oggi, continua a perpetuarsi in un mondo civilizzato, declinandosi dal femminicidio alla violenza fisica, dallo stalking allo stupro, dalle violenze domestiche fino al mobbing.
Purtroppo ancora oggi le vittime non parlano, non denunciano, perché hanno paura di essere giudicate, e soffrono in silenzio, umiliate e private della propria dignità.
Ma la viloenza non è solo questa, ma anche quando si usano parole mordaci, quando si fa un gesto per scostare una persona, quando si obbedisce per paura.
Violenza non è solo strage organizzata in nome di Dio, della società o della patria. È molto più sottile, molto più profonda: è la ragione di chi ha torto!
Ho letto da qualche parte che una donna, che aveva subito violenza e non aveva denunciato il suo aguzzino, guardando i mulinelli di neve che turbinavano nell’aria abbia detto: «Ogni fiocco di neve è il sospiro di una donna infelice da qualche parte del mondo. I sospiri che da noi si elevano al cielo si raccolgono a formare le nubi e poi si spezzano in minuti frantumi, cadendo silenziosamente sul mondo.»
Per me questa non è una giornata da celebrare, ma solo per ricordare gli abusi resi pubblici e che un giorno non lontano si possa cancellare, con la scomparsa dalla faccia della terra di ogni forma di violenza.
 
Si nu fjòre ame
Si nu fjòre ame, nenn’u rekugghjènne,
sennò murarrà è ffernarrà d’èsse
kuille ka ame. Si nu fjòre ame,
lassele èsse. ‘A ‘mmòre, k’i sckaffe
è i punje, ce trase kum’a lebertà
k’u karcere. Ògnè vjulènze téne,
kume fine urteme, fà kakagghjà
‘a vitteme, skacchjà da nuj’u mude suje de fà.
Kuanne se vjulèndene, a bòtte se pigghjene,
se struppjèjene, nd’u tavute se mèttene
i fèmmene, se struje ‘a ‘nergìje
‘ssenzjale d’u kambà sóp’a tèrre.
Se furzjéje kuande nate éje
p’èsse arrapirte, feduciuse,
kaluruse, krjative è vvive
a èsse chjekate, sciakkue è ddumate.
È ‘a fèmmene addevènde kume
a nu fjòre malamènde trattate
da l’akkue, ke l’ucchje k’arrespònnene
a’ vjulènze ke nu supacchjù de lustre.
U kalóre d’a ‘mmòre rusce éje
passjòne, è nnò mulagnane abbuttate.
Nu munne sònne a ndò l’ummene
vjulènze sóp’è fèmmene nenn’aùsene.
È i fèmmene ne mberdònene l’ummene
k’aùsene vjulènze sóp’a lóre
pure si pavute tènene d’èsse
judekate è nzulènzje patiscene,
aùmeljate, è dd’a pròbete degnetà luàte.
U sulènzje i turturature ajute,
maje i turturate. ‘Na sucetà
prugredite, civile è ddemukrateke
nen dace da magnà è kròneke
d’abuse, ‘mmecidje è stupre, ma
kòndre ògnè fròmme kumbatte
de vjulènze dind’i kumbrònne
d’i fèmmene, a pizze fà ‘a vjulènze,
avatte u ‘gujìsme è skatenéje
u paravise pekkè i fèmmene
sònne u prugrèsse de tutt’a umanetà.
 
Se ami un fiore
Se ami un fiore, non raccoglierlo,
altrimenti morirà e cesserà di essere
ciò che ami. Se ami un fiore,
lascialo essere. L’amore, con gli schiaffi
e i pugni, c’entra come la libertà
con la prigione. Ogni violenza ha,
come fine ultimo, far balbettare
la vittima, spezzare la sua sintassi con noi.
Quando si violentano, picchiano,
storpiano, seppelliscono
le donne, si distrugge l’energia
essenziale della vita sulla terra.
Si forza quando è nato
per essere aperto, fiducioso,
caloroso, creativo e vivo
ad essere piegato, sterile e domato.
E la donna diventa come
un fiore maltrattato
dalla pioggia, con gli occhi che rispondono
alla violenza con un sovrapiù di luce.
Il colore dell’amore è rosso
passione, e non viola tumefatto.
Sogno un mondo in cui gli uomini
non usano violenza sulle donne.
E le donne non perdonano gli uomini
che usano violenza su di loro
anche se hanno paura di essere
giudicate e in silenzio soffrono,
umiliate, e private della loro dignità.
Il silenzio aiuta i carnefici,
mai i torturati. Una società
progredita, civile e democratica
non nutre le cronache
di abusi, omicidi e stupri, ma
lotta contro ogni forma
di violenza nei confronti
delle donne, demolisce la violenza,
abbatte l’egoismo e accende
il paradiso perché le donne
sono il progresso dell’intera umanità.
Pasquale Zolla






« TORNA ALLA PAG. PRECEDENTE   HOME  

Vedi FotoGallery   Stampa pagina  
pubblicita lucerabynight.itnoleggio auto lucera dipa srlpubblcita lucera