Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it

CULTURA > Poesie



4 Novembre: Giornata dell’Unità Nazionale. Nota e poesia di Pasquale Zolla



Stampa pagina



Condividi su FB

Mediaweb Grafica - Lucera - tel +39 0881548334
Il 4 novembre 1918 aveva termine il 1oConflitto mondiale (Grande Guerra): un evento che ha segnato in modo profondo e indelebile l’inizio del ‘900 e che ha determinato radicali mutamenti politici e sociali.
In questa giornata si ricorda, in special modo, tutti coloro che hanno sacrificato la loro vita per un ideale di Patria e di attaccamento al dovere: valori immutati nel tempo, ma che oggi sembrano inesistenti, visto il malaffare e l’indefferenza verso le Istituzioni da parte, anche e soprattutto, di chi ne fa parte.
È la festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, un tempo molto sentita.
La festività è stata istituita nel 1919 ed è durata fino al 1976. È stata anche l’unica festa nazionale celebrata dall’Italia prima, durante e dopo il fascismo.
Dal 1977, dopo la riforma del calendario che voleva aumentare i giorni lavorativi, la si festeggiò (e lo si fa tuttora!) nella prima domenica di novembre.
Ogni anno il Presidente della Repubblica e le alte cariche dello Stato si recano all’Altare della Patria in Roma e depongono una corona d’alloro sulla tomba del Milite Ignoto, che ricorda i soldati morti in guerra e mai identificati.

4 Nuèmbre: ‘na mammòrje necessarje
U kuatte Nuèmbre ‘a fèste éje
d’i Fòrze Armate è dd’a Unetà
Nazjunale, ma éje pure ‘na mammòrje
necessarje p’i chjù d’i séjecindemile
murte ‘taljane. I kòppe d’Italje
i sebuleke lòre fujene;
i kuppucèlle chjane è u Pjave
vedìjene è ssendìjene i lukkule
lòre de delòre, ma pure kuille
de prjèzze p’u reskatte d’ò frustire
è pp’a kungustate lebertà. Lòre
ce hanne nzengate a amà l’Italje
è hanne kumbattute p’u béne de nuje
tutte, lassanne i famigghje sènze
d’a certèzze de returne fà. N’atte
duveruse éje i kummumurà,
akkume duveruse éje arrekurdà
kuilli fèmmene, kuilli mamme ka sckitte
‘a fòrze de dì grazjune tenèvene
p’u returne d’i marite lòre, d’i figghje
lòre, returne ka puttròppe pe tande
ne nge éje state maje è kka have
purtate  pe sèmbe nd’i kure lòre
u delòre de vite skacchjate ka
nesciune ha putute maje ndréte i dà.
Bèlle, ògge sarrìje, si tutte u munne
mbace kambarrìje è tutte i krestiane
ngure lukkulà: «Maje chjù uèrre, maje chjù!»
Ma kuiste éje sckitte nu vulìje
de nu pòvere vecchjarille ka maje
è ppòje maje rjartà addevendarrà!
 
4 Novembre: una memoria necessaria
Il 4 Novembre è la festa
Delle Forze Armate e dell’Unità
Nazionale, ma è anche una memoria
necessaria per gli oltre seicentomila
morti italiani. I monti d’Italia
le loro tombe furono;
gli altopiani e il Piave
videro e sentirono le grida
loro di dolore, ma anche quelle
di gioia per il riscatto dello straniero
e per la conquistata libertà. Loro
ci hanno insegnato ad amare l’Italia
ed hanno combattuto per il bene di noi
tutti, lasciando le famiglie senza
la certezza di far ritorno. Un atto
doveroso è commemorarli,
come doveroso è ricordare
quelle donne, quelle mamme che solo
la forza di pregare avevano
per il ritorno dei loro mariti, dei figli
loro, ritorno che purtroppo per molti
non c’è stato mai e che ha
portato per sempre nei loro cuori
il dolore di vite spezzate che
nessuno ha mai potuto restituire.
Bello, oggi sarebbe, se il mondo intero
in pace vivrebbe e tutte le genti
in coro gridare: «Mai più guerre, mai più!»
Ma questo è solo un desiderio
di un povero vecchio che mai
e poi mai diventerà realtà!
Pasquale Zolla






« TORNA ALLA PAG. PRECEDENTE   HOME  

Vedi FotoGallery   Stampa pagina  
pubblicita lucerabynight.itnoleggio auto lucera dipa srlpubblcita lucera