Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it
Lucerabynight.it

CULTURA > Poesie



Maria Assunta in cielo, nota e poesia di Pasquale Zolla



Stampa pagina



Condividi su FB

Mediaweb Grafica - Lucera - tel +39 0881548334
La festa dell’Assunta in Cielo nasce con la definizione del dogma dell’Assunta da parte di Pio XII il 1 novembre 1950.
È una festa fonte di grande forza, speranza e fiducia per l’intera umanità perché ci dice che Maria, nostra rappresentante, è andata in Dio e che alla fine della nostra vita c’è Dio.
La festa dell’Assunzione, pertanto, è una certezza per tutti verso la vita vera.
Nel primo millennio Maria veniva invocata e pregata come la prima discepola di Cristo.
Maria era grande perché per prima era stata disponibile al piano di Dio e al suo progetto.
Maria era grande perché pure lei si era messa in ascolto di suo figlio: madre biologica di Gesù, ma figlia spirituale di Gesù.
Nel secondo millennio Dio divenne sempre più lontano e irraggiungibile per i cristiani comuni. Difficilmente si riusciva a leggere la Bibbia e la Messa era celebrata in latino, per cui Dio veniva imprigionato in discussioni per pochi eletti.
L’immagine del Dio Padre venne sostuita dal Dio Giudice: bisognava stare attenti a Dio. Bisognava confessarsi sempre; bisognava essere in grazia e rispettare ogni precetto; bisognava fare un sacco di cose, altrimenti Dio non ci voleva.
Solo se si era purissimi si poteva sperare di essere accettati da Lui. Così si ebbe il bisogno di un intermediario, di qualcuno che ci proteggesse, che intercedesse per noi presso il Dio Giudice: Maria, che divenne la Mediatrice, colei che mette la buona parola e che ci protegge come suoi bambini.
Maria col tempo divenne sempre più perfetta: Immacolata Concezione(1854) e Assunzione (1950). Da donna divenne una divinità; concepita immacolata, vergine madre di Dio, dotata per grazia di una virtù perfetta, serva umile, totalmente ubbidiente, regina del Cielo, con il potere di intercedere per la nostra salvezza e assunta corpo e anima in Cielo.
Oggi, oltre che ricordare l’evento dell’Assunzione,  dovremmo cercare di riscoprire Maria come una di noi; di riscoprire la donna potente, la forza creativa e la fede dell’impossibile di questa donna. Bisogna recuperare la vera immagine di Maria: Immacolata Vergine, preservata immune da ogni colpa originale, che fu Assunta alla celeste gloria in anima e corpo e dal Signore esaltata quale Regina dell’Universo, perché fosse più pienamente conforme al Figlio suo, Signore dei dominanti e vincitore del peccato e della morte.
L’Assunta è primizia della Chiesa celeste e segno di consolazione e di sicura speranza per la Chiesa pellegrina!
Buon ferragosto!

‘A ‘Ssunde ngile
Tu, ò Marìje, fèmmene de sóle
ammandate, ke Markòfje sòtt’è pite
è ngape ‘na kuròne de dudece
brellòkke d’u cile, nu mude tìne
partekulare pe parlà a l’alma
mìje è a mè assemègghje nu signe
sekure assaje d’a òbbra tuje:
vesjòne d’u ndellètte sì Tu!
Luke tine nd’u chjù kare de l’alma
mìje è mme pare de te sènde akkussì
chjare chjare: «Ò’ Segnòre vaje, tu
ka sì strakkue è  strezzate, è Ghisse
te kunzularrà!» Spisse ghìje ngapisce
mè medèsme, nè sacce kuille ka vògghje.
Allummenìjeme, ò Marìje; kunzidere
k’a lustra tuje chjù necessarje éje
a mè kè a kuillu cike ka éve
de nascete, pekkè kuillulà vuléve
vedè ‘a lustre è nne mbutéve, ma ìje
nen vògghje vedè. ‘Na grazjòne Te fazze
d’amà ki ne nde vóle béne, d’arrapì
a ki a’ pòrta tuje nen tuzzuléje,
de bòna salute dà a ki pjacére have
d’èsse mbèrme. Ne nguardanne a’ mìje
cekume, ma ò sanghe prezjuse jettate
d’ò Figghje tuje p’i jenìje ndére.
‘A meserekòrdje tuje sèmbe resblènne
sóp’a tutte i sckefèzze d’u munne
è kkungideme de ghèsse lebberate
da ògnè male nd’u kambà presènde
è dd’avvenì. È akkussì sìje!
 
L’Assunta in cielo
Tu, Maria, donna di sole
ammantata, con la luna sotto i piedi
e sul capo una corona di dodici
stelle, un modo hai
particolare per parlare all’anima
mia e a me sembra un segno
sicurissimo della tua opera:
 sei visione intellettuale!
Hai luogo nell’intimo dell’anima
mia e mi sembra di udirti così
chiaramente: «Vai al Signore, tu
che sei affaticato e stressato, e Lui
ti consolerà!» Spesso io non capisco
me stesso, né so quel che desidero.
Illuminami, Maria; considera
che la tua luce è più necessaria
a me che a quel cieco il quale era
di nascita, perché lui desiderava
vedere la luce e non poteva, ma io
non voglio vedere. Ti prego
di amare chi non ti ama, di aprire
a chi non bussa alla tua porta,
di dare buona salute a chi ha piacere
di essere infermo. Non guardare alla mia
cecità, ma al sangue prezioso versato
dal tuo Figliolo per l’umanità tutta.
La tua misericordia sempre rislpenda
su tutte le brutture del mondo
e concedimi di essere liberato
da ogni male nella vita presente
e futura. E così sia!

Pasquale Zolla






« TORNA ALLA PAG. PRECEDENTE   HOME  

Vedi FotoGallery   Stampa pagina  
pubblicita lucerabynight.itnoleggio auto lucera dipa srlpubblcita lucera