CULTURA Poesie         Pubblicata il

Festa della Mamma 2018. Nota e poesia sulla mamma di Pasquale Zolla




La festa della Mamma non ha una data fissa annuale, ma viene celebrata la seconda domenica di Maggio.
Essa ha origini molte remote. Nelle tradizioni più antiche era simbolo di un passaggio dal freddo invernale alla vita primaverile in cui tutto rinasce. E in quasi tutte le civiltà del passato c'è la presenza di una Grande Madre, divinità femminile venerata in quanto portatrice di vita. Per i Greci era la dea Rea, madre di tutti gli dei, per i romani Cibele.
 
In Italia è stato il senatore Raul Zaccari ad inagurarla per la prima volta nel 1956 a Bordighera, stabilendo di festeggiarla la seconda domenica di maggio. L'anno successivo don Otello Migliosi la trasportò in Umbria e l'associò alla figura della Vergine Maria, Madre di Gesù.
 
Nel 1958 diventa festa civile, grazie ad un disegno di legge presentato al Senato dallo stesso Zaccari.
 
 
'A Mamme nu pikkule sóle éje
'A letterature de sèmbe éje
'a chjù andike medecine d'u munne.
Véne apprime d'a skretture. Apprime
de se mètte sópe a stajellètte
de 'rgille, vuce have pulezzate,
alme have akkujatate. Ghèsse
kundinue a u fà tutte i vóte
ka 'na mamme sóp'a krjatura suje,
accepute d'a strakuèzze, se  nghenéje,
è nu kunde akkònde, 'na kanzòne
kande, ò u strènge mbitte k'a rerute.
Ammòre , attakkaminde, durcèzze,
prèsce, 'stinde, ucchje sturtarate, fòrze,
frevelèzze, pavure, tembestevetà,
rerute, kumbrenzjòne, sònne akkume
a sparatrappe p'ògnè ìje chjagate.
'A 'mmòre de 'na Mamme tuttekuande
i brellòkke d'u cile ndére téne
ka dinde a nòtte u lustrekèjene
è de jurne, grazje è vrazze suje,
scille addevèndene pe tenè, akkume
a 'na kuvèrte mbuttute, u figghje
ò' kavete, sènze u mètte a fuke. 
'A Mamme éje nu pikkule sóle
ndurne a kuje arrevóte u Sèmbe
ka u munne ndére è l'ummene réje.
 
 
La Mamma è un piccolo sole
La letteratura eterna è
la più antica medicina del mondo.
È anteriore alla scrittura. Prima
di depositarsi su tavolette
d'argilla, ha purificato delle voci,
ha placato delle anime. Essa
continua a farlo ogni volta
che una mamma sul suo bimbo,
intorpidito dalla stanchezza, si china,
e racconta una storia, una canzone
canta, o lo stringe al petto sorridendogli.
Amore, attaccamento, dolcezza,
premura, istinto, occhiatacce, forza,
fragilità, paura, tempismo,
sorriso, comprensione, sono come
cerotti per ogni io ferito.
L'amore di una Mamma tutte
le stelle dell'universo ha
che nella notte lo illuminano
e di giorno, grazie alle sue braccia,
diventa ali per tenere, come
una trapunta, il figlio
al caldo, senza soffocarlo.
La Mamma è un piccolo sole
attorno a cui ruota l'Eterno
che regge il mondo intero e gli uomini.
 
Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic