CULTURA Poesie         Pubblicata il

La festa del papà. Nota e poesia sulla festa del papà da Pasquale Zolla




La festa del Papà ha origini americane perché nacque per festeggiare un padre ex combattente della guerra di secessione.
In America cade nella terza domenica del mese di giugno, mentre in Italia cade il 19 marzo, che ricorda il padre putativo di Gesù, San Giuseppe.
I Papà sono, come le madri, sempre presenti nella vita dei figli, tanto da sembrare fisarmoniche che fanno sentire le loro note attraverso i loro sguardi, i loro sorrisi e i loro respiri.
Fanno sacrifici per non far mancare ai figlioli niente e, dopo una lunga giornata di lavoro, nonostante la stanchezza, regalano amore e sorrisi.
Oggi, per la loro festa diciamo grazie di essere sempre a fianco a noi, anche a coloro che fisicamente ci hanno lasciato, e ricordiamoci sempre che chi non ascolta il padre in giovinezza, se ne pentirà in vecchiezza.


A Pateme ka chjù ne nge stace

‘A fèste d’i Papà ògge éje
è ìje fà vògghje ò Papà mìje,
ka chjù nge stà, i agurje; a kuillu
Papà ka ògge, da vècchje frèvele
è strakkue, assemègghje. Nu Papà
ka nzengate me have a krèsce
tenènneme ‘a manuzzèlla mìje
nd’a suje è ka tenéve nu fiscke
è nu rechjame speciale, ‘na pròbbete
manére de kammenà è d’arrapì
‘a pòrte de kase. Nu Papà k’have
lassate ‘na mbrònde ka nze skangèlle
dind’a mè kum’a sèmbje de kambà,
majèstre d’ammòre è purte sekure
nd’i mumènde skurde. Penzave
d’u avè skurdate, ma ‘a fèste
è Papà addedekate me l’have
fatte arrekurdà attravèrze
‘na puvesìje d’è nepute ditte
è ‘na dòcia dòce manungunìje
d’i mumènde anzime passate
have u kòre mìje rjavezate.
È tènghe ‘n’ata vòte cinganne:
mò stènghe aspettanne de sènde
i passe tuje sóp’è skale d’a kase.
Agurje a Tè, Papà, ka mbrazze
ò Krjatòre d’u munne te ne staje!


Al mio Papà che non c’è più


Oggi è la festa dei Papà
e io vorre fare al mio Papà,
che non c’è più, gli auguri; a quel
Papà che oggi, da vecchio fragile
e stanco, assomiglio. Un Papà
che mi ha insegnato a crescere
tenendo la mia manina
nella sua e che aveva un fischio
e un richiamo speciale, un proprio
modo di camminare e di aprire
la porta di casa. Un Papà che ha
lasciato un marchio indelebile
in me come esempio di vita,
insegnante d’amore e porto sicuro
nei momenti di difficoltà. Credevo
di averlo dimenticato, ma la festa
dedicata ai Papà me lo ha
fatto ricordare attraverso
una poesia dai nipoti recitata
e una dolce malinconia
dei momenti passati insieme
ha risollevato il mio cuore.
E ho di nuovo cinque anni:
ora sto aspettando di sentire
i tuoi passi sulle scale di casa.
Auguri a Te, Papà, che tra le braccia
del Signore sei!

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic