NEWS ON LINE Costume e Società         Pubblicata il

San Valentino: nota e poesia da Pasquale Zolla




La festa degli innamorati

La festa degli innamorati affonda le sue radici nella festa più sfrenata dell’antica Roma, quella della fertilità, famosa per i suoi eccessi e trasgressioni.
Poi venne un papa, Gelasio I, e comparve san Valentino.
La tradizione di san Valentino quale protettore degli innamorati risale all’epoca romana, nel 496 d.C., quando l’allora papa Gelasio volle porre fine ai lupercalia, gli antichi riti pagani dedicati al dio della fertilità Luperco, che si celebrava il 15 febbraio e prevedevano festeggiamenti sfrenati, apertamente in contrasto con la morale e l’idea di amore cristiani.
Il clou della festa si aveva quando le matrone romane si offrivano, spontaneamente e per strada, alle frustate di un gruppo di giovani nudi, devoti al selvatico Fauno Luperco.
Anche le donne in dolce attesa si sottoponevano volentieri al rituale, convinte che avrebbe fatto bene alla nascita del loro figliolo.
Con papa Gelasio la festa venne spostata al giorno precedente, 14 febbraio, dedicato a san Valentino, che divenne il protettore degli innamorati.

Ammòre: puvesìje d’i sinze


Amà è ghèsse amate sònne
i chjù gròsse prjèzze d’u kambà
pekkè ‘a ‘mmòre ‘a chjave éje
k’arrape i kangille d’a felecetà.
‘A ‘mmòre chjùbbèlle kuille éje
ka l’alme arrescetéje è kka
ce face avè u vulìje
de sèmbe chjù n’avete arrevà;
éje kuille ka u kòre appicce
nustre è kka pòrte ‘a kujéte
dinda kape nòstre è cce dace
senzazjune ka ne nze pònne spjegà,
fandasìje ka nze pònne akkundà,
pekkè ‘a ‘mmòre puvesìje éje
d’i sinze è sazjéje kum’ò kavete
d’u sòle dòppe ‘na bèllakkue.
A ‘mmòre fatte éje da sckitte
‘n’alme ka demuréje nda duje
kurje pekkè ‘a uffèrte éje
de sè medèsme, dinde u sì
d’a federtà anzime ò’ uteme
fjate. Sckitte amanne s’ambare
a amà è s’akkuminze a kambà!

Amore: poesia dei sensi

Amare ed essere amati sono
le più grandi gioie della vita
perché l’amore è la chiave
che apre i cancelli della felicità.
L’amore più bello è quello
che risveglia l’anima e che
ci fa desiderare
di arrivare sempre più in alto;
è quello che incendia il cuore
nostro e che porta la pace
nella nostra mente e ci dà
sensazioni che non si possono spiegare,
fantasie che non si possono raccontare,
perché l’amore è poesia
dei sensi e ristora come il calore
del sole dopo la pioggia.
L’amore è composto da un’unica
anima che abita due
corpi perché è l’offerta
di se stessi, nel sì
della fedeltà fino all’ultimo
respiro. Solo amando s’impara
ad amare e si comincia a vivere.

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic