CULTURA Poesie         Pubblicata il

La Candelora: nota e posia di Pasquale Zolla




La Candelora cade il 2 febbraio; è una festa religiosa che si celebra per ricordare la   presentazione di Gesù al tempio e il rito della Purificazione di Maria: secondo l'usanza ebraica una donna era considerata impura del sangue mestruale per un periodo di 40 giorni dopo il parto di un maschio e doveva andare al Tempio per purificarsi.

Il 2 febbraio cade appunto 40 giorni dopo il 25 dicembre, giorno della nascita di Gesù.

Anticamente questa festa veniva celebrata il 14 febbraio, 40 giorni dopo l'Epifania.

Il nome Candelora deriva dal latino: candelorum, ovvero la benedizione delle candele che vengono conservate in casa e accesi per placare l’ira divina durante il maltempo oppure durante un momento di malattia.

Già dal VIII secolo d.C., la festa della Calendora era molto sentita.

A Roma, nel Medioevo, si compiva una lunghissima processione che partiva da Sant'Adriano e attraversava i fori di Nerva e di Traiano, attraverso il colle Esquilino, per raggiungere la basilica di Santa Maria Maggiore.

In tempi più recenti, la processione si accorciò, svolgendosi intorno alla Basilica di San Pietro. In quell'occasione, all'interno della Basilica, sull'altare vennero poste delle candele, con un fiocco di seta rosso e argento, e con lo stemma papale.

Dal punto di vista pagano la Candelora ha a che vedere con la purificazione e con i riti propiziatori per la fertilità della terra, per cui è un momento di passaggio, tra l'inverno/buio/"morte" e la primavera/luce/risveglio.

Concludo con proverbi tratti dal mio dizionario “Parle Kume t’ha fatte mammete” inerenti la Candelora:

 P’a sanda kannelóre ò nèveke ò chjòue d’u virne seme fóre, ma k’u sóle ò tira vinde d’u virne seme dinde. = Per la candelora con la neve o con la pioggia dell’inverno siamo fuori, ma con il sole o con il vento dell’inverno siamo dentro.// A’ kannelóre ‘a vernate éje fóre! Se vóte ‘a vècchje arraggiate: - Nenn’éje fóre ‘a vernate si nen spunde ‘a vukake; si vuje èsse chjù sekure, kuanne kalene i meteture. = Alla candelora l’inverno è fuori! Dice la vecchia arrabbiata: - Non è fuori l’inverno se non fiorisce il rovo; se vuoi essere più sicuro, quando arrivano i mietitori.// A’ kannelóre ògnè galline face l’óue. = Alla candelora ogni gallina fa l’uovo.(Per la candelora riprende la vita anche nel pollaio).



‘A Kannelòre

‘A fèste d’i cerògge ‘a jurnate
éje ka ce addemustréje ‘a vernate:
si da ngile l’akkuarèlle ascènne,
‘a vernate kuase a’ fine éje;
ma si ce stace sóle ka sblènne
marze sarrà akkume a jennaje.
Nd’i chjìse i cerògge s’appiccene
è i vambecèlle resblennèjene
è zumbettjèjene allummenanne
i facce d’i krjature, d’i fèmmene,
d’i vicchje è d’i ummene. È kuèlla
lustre ‘a strate ce allummenéje
ka kunnuce a Dìje, k’avvecine
ce kamine, pekkè a l’ucchje suje
tuttekuande i krestjane d’u munne
assaje kare éje è avvale
chjù d’u chjù grusse de tutte i trasòre.

La Candelora

La festa dei ceri la giornata
è che ci dimostra l’invernata:
se dal cielo acqua minuta scende,
l’inverno è al termine;
ma se c’è sole splendente,
marzo sarà come gennaio.
Nelle chiese i ceri si accendono
e le fiammelle brillano
e saltellanno illuminando
i volti dei bimbi, delle donne,
dei vecchi e degli uomini. E quella
luce ci illumina la strada
che conduce a Dio, che vicino
ci cammina, perché ai suoi occhi
l’intera umanità
è preziosa e vale
più del più grande di tutti i tesori.

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic