CULTURA Poesie         Pubblicata il

I giorni della merla - poesia e nota sui giorni della merla da Pasquale Zolla




La Leggenda

Una merla veniva sempre strapazata da gennaio, mese freddo e ombroso, che si divertiva ad aspettare che lei uscisse dal nido in cerca di cibo per gettare sulla terra freddo e gelo.
Stanca delle continue persecuzioni, la merla decise di fare provviste sufficienti per un mese e si rinchiuse nella sua tana, al riparo, per l’intero mese di gennaio, che allora aveva ventotto giorni.

L’ultimo giorno del mese la merla, pensando di aver ingannato il cattivo gennaio, uscì dal nascondiglio e si mise a cantare per sbeffeggiarlo.
Gennaio se ne risentì così tanto che chiese in prestito tre giorni a febbraio e si scatenò con bufere di neve, vento, gelo e pioggia.

La merla si rifugiò in un camino e lì restò al riparo per tre giorni. Qaundo uscì, era salva, ma il suo bel piumaggio si era ingrigito a causa della fuligine del camino, e così rimase per sempre con le piume grige.
Secondo la leggenda, se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà bella; se sono caldi, la primavera sarà in ritardo.


Kume i mèrle nireve addevendajene
È timbe d’i timbe jute jennare
m mése éve chjù kurte è amare
d’u anne: nuvele, vinde è fridde
ògnèkkòse acchjetravene. I gènde
d’ò kitre s’addefennèvene ke scialle,
kòppele, magghje è kavezètte de lane
fatte a mane è lunghe tabbane.
I ‘nnemale s’arrangiavene kume
mègghje apputèvene è ‘na mèrle
‘a pruvviste de kuille ka i servéve
pe tutte u mése da parte se mettìje.
Ma jennare, despettuse, trè jurne
a frebbare mbriste addummannaje
pe ‘na lezjòne a kuèlla mèrle dà
pekkè l’éve sbeffjate k’u kande suje.
Jennare i jurne suje vedìje
akkume pe magagìje  allungà
è ‘a mèrle, penzanne k’arramje
passate éve, d’ò nide ascìje.
Ma u fridde fernute nenn’éve
è, sendènnese acchjetrà, jìje
sópe a nu kamine de nu titte  
da andò fume nireve ascéve.
Ka bèlle kuillu kavete ka dallà
fóre venéve. Ma kuanne u kitre
s’akkujataje nu krakrà d’ò vèkke
suje fòrtassaje ascì facìje
pekkè i chjume janghe janghe suje
nèreve akkume a péce èvene
addevendate. A se lavà kurrìje
dinda ‘na jummarèlle, ma nge facìje
ninde. Sckitte ‘na kòsa bèlle appèrò
i arrumanìje: u vèkke jalligne
ka kum’a sóle tra u nireve sblennéve!
 
Come i merli divennero neri
In tempi assai remoti gennaio
era il mese più corto e amaro
dell’anno: nuvole, vento e freddo
ognicosa gelavano. La gente
dal gelo si difendeva con sciarpe,
berretti, maglie e calze di lana
fatte a mano e lunghi mantelli.
Gli animali si arranciavano come
meglio potevano e una merla
la provvista di ciò che le serviva
per tutto il mese da parte si mise.
Ma gennaio, dispettoso, tre giorni
a febbraio chiese in prestito
per dare una lezione a quella merla
perché l’aveva sbeffeggiato cantando.
Gennaio i suoi giorni vide
come per magia allungarsi
e la merla, pensando che ormai
era passato, uscì dal nido.
Ma il freddo non era finito
e, sentendosi gelare, andò
su di un camino di un tetto  
da dove usciva fumo nero.
Che bel calduccio di lì
fuori veniva. Ma quando il gelo
si acquietò un cra cra dal becco
suo forte fece uscire
perché le sue bianche piume
nere come pece erano
diventate. Corse a lavarsi
in un ruscello, ma non ci fece
nulla. Solo una cosa però bella
le restò: il becco giallo
che come sole tra il nero splendeva!

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic