CULTURA Mostre         Pubblicata il

L'arte di De Troia oltrepassa il confine, da Lucera a Innsbruck (Austria)




Continuano le varie realizzazioni e rappresentazioni artistiche tramite dipinti del Maestro d'arte Giacomo De Troia che l'anno scorso per il suo costante impegno nella professione e nel volontariato è stato insignito del Premio Cattedrale del Volontariato 2017 e dell'attestato di Merito-Benemerenza di maestro d'arte pittore del volontariato 2017.

Il pittore Giacomo de Troia, nato e residente  a Lucera (FG), inizia sin da giovane la sua attività creativa, con terra cotta ornamentale, ceramiche, vetrate d'arte per cappelle e monumenti funebri, ma il suo grande talento e vena artistica sfocia nella pittura, nella realizzazione di opere con personaggi particolari realizzati su tela con tecnica acrilico che permette di velocizzare la mano e con grande esperienza oltre trentennale ha realizzato numerose opere e quadri  su tela.

Varie sono state le realizzazioni di dipinti con le partecipazioni a Collettive e mostre personali, piu' di 100  partecipazioni in vari centri di Italia, si parte da Lucera, sua città di origine , Vieste, Novara, Gabucce,Cattolica, Bertinoro (Milano), Foggia, Ancona, Milano, nuovamente Lucera, Bologna, Milano, Saronno, Pescara, Barletta, Sassari, Teramo, Civitella del Tronto, Novara, Bologna, Chieti, Per poi andare oltre confine Dubay (Emirati Arabi), Brugens (Belgio )(definita anche la piccola Venezia del Nord) e per recarsi proprio in questi giorni a Innsbruck (Austria) dal giorno 25 Gennaio al 28 Gennaio 2018 per partecipare ad una collettiva internazionale contemporanea con la partecipazione di pittori a livello Internazionale (35 partecipanti).

Il De Troia espone alla collettiva tre dipinti acrilico su tela cm 60 x 60 dal titolo:

Maschere Ignote (in questo dipinto, ognuno può vedere quello che vuole, ognuno di noi ha addosso una maschera e tramite lei si nasconde dietro per  adoperarsi alla società o a ciò  che ci circonda nella vita odierna, nel reale o nell'immaginario).

L'opera:  Desiderosi di Giustizia (chi non è vittima di ingiustizie o di abusi, di soprusi, di violenza al tempo di oggi? Riferito agli innumerevoli valori svuotati, ribaltati, e a chi è stato vittima di ingiustizie, la bilancia è simbolo della giustizia e per questo si è desiderosi di giustizia, la persona indossa una armatura per combattere e difendersi dalle ingiustizie ma  a volte la bilancia puo' essere a uguale livello o  puo' pendere anche  da un solo lato ).

L'opera Nikita rappresenta una ragazza soldato russo che suona il corno per richiamare la attenzione di altri e o del mondo intero sui problemi della guerra,o per suonare a festa la fine della guerra e/o per suonare a festa con un suo amico e gioire di quella guerra...).

Il pittore Giacomo De Troia appartiene a quella schiera di artisti dove il linguaggio fiabesco , serve non per evadere dal duro confronto con la realtà, quando nel coglierla nella drammaticità della sua condizione, dalle sue composizioni si intuisce la forza estetica e comunicativa di un realismo magico di un pittore contemporaneo, in riferimento alla apparenza visiva, quanto intensamente  umano nello svolgersi delle sue storie emotive in cui riaffiorano i conflitti, le contraddizioni, le speranze o le inquietitudini proprie della vita .

La sua ironia non ha accenti sarcastici, ma è pervasa da un'intima adesione alle dolorose esperienze che spesso accompagnano il difficile ed imprevedibile confronto dell'uomo con la storia e con il suo interiore e misterioso enigma.

E' da ricordare che il maestro Giacomo è anche un esperto presepista e proprio l'anno scorso ha ricevuto incarico dalla Amministrazione Comunale di Lucera richiesta per un progetto della realizzazione nelle centralissima piazza di Lucera (Piazza Duomo)  di una capanna della natività realizzata con personaggi  a grandezza naturale e si è avvalso della collaborazione del Maestro Falegname Giuseppe d'Imperio per la realizzazione.

Vincenzo Battista

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic